Il processo a Mons. Williamson fissato al 16 Aprile

Il processo a Mons. Williamson fissato al 16 Aprile

Un dispaccio AFP dello scorso 27 Gennaio 2010 annuncia che il processo a Monsignor Richard Williamson avrà luogo il 16 Aprile in Germania:

Negazionismo: processo a Mons. Williamson il 16 Aprile in Germania[1]

Un portavoce del tribunale di Ratisbona ha annunciato che il vescovo cattolico integrista Richard Williamson sarà giudicato per negazionismo il 16 Aprile in Germania.

Una richiesta di comparizione è stata inviata al domicilio londinese del vescovo inglese, ma potrà farsi rappresentare da un avvocato, ha aggiunto il portavoce.

Mons. Williamson, membro dell’organizzazione cattolica integrista della Fraternità San Pio X, viene giudicato per “istigazione all’odio razziale”, dopo aver fatto a Ratisbona delle affermazioni negazioniste diffuse dalla televisione svedese il 21 Gennaio 2009.

Egli aveva detto di credere che “nei campi di concentramento sono morti dai 200.000 ai 300.000 ebrei, ma neanche uno nelle camere a gas”.

In seguito alle sue affermazioni, il tribunale di Ratisbona gli aveva proposto di cavarsela con un’ammenda di 12.000 euro nel quadro di una procedura semplificata che avrebbe chiuso la questione.

Mons. Williamson, contestando il capo d’imputazione, ha rifiutato di pagarla ed è stato dunque rinviato a processo.

Tre giorni dopo la trasmissione televisiva, il papa Benedetto XVI tolse la scomunica ai quattro vescovi della Fraternità, tra cui il prelato inglese.

L’affare aveva suscitato scalpore in tutto il mondo, e in particolare in Germania, patria del papa. La cancelliera Angela Merkel aveva alzato fortemente i toni contro il Vaticano, secondo cui il papa ignorava l’esistenza delle affermazioni negazioniste fatte dal vescovo Williamson, prima di togliere le scomuniche.

Williamson è uno dei responsabili della Fraternità San Pio X, un’organizzazione integrista fondata nel 1970 a Ecône, in Svizzera, e presente in 30 paesi tra cui la Francia.

[1] http://la-croix.com/afp.static/pages/100127112414.6my2yds9.htm

5 Comments
    • Anonimo
    • 1 Febbraio 2010

    Massima solidarietà a monsignor Williamson. I tedeschi si sono venduti, sono l'ombra del popolo fiero che furono.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 1 Febbraio 2010

    Bisognerebbe spiegare a quella immonda creatura della Merkel che il fatto di togliere una scomunica è del tutto indipendente dalle affermazioni che lo scomunicato fa, in campo non religioso. Un conto è la sfera religiosa, un altro quella giuridico-legale. Questa povera cretina o è in malafede, oppure mi chiedo, con questo infimo livello di intelligenza, come ha fatto a giungere alla cancelleria… Povera Germania, potevano nominare una scimmia, avrebbe avuto maggiori requisiti.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 2 Febbraio 2010

    Non e' un processo ad un religioso,bensi' il processo ad una intera civilta'europea che non viene riconosciuta dal resto dell'europa,uno scontro millenario fra il mondo d' influenza cattolica e quello protestante.
    Fateci caso,dopo la II*guerra mondiale gli alleati della germania sono finiti in miseria:cattolici e musulmani.
    Anche gli attacchi per pedofilia alla chiesa cattolica in usa fanno parte del piano.
    Solo che il messsaggio evangelico va applicato a noi ma non agli alti prelati che affosseranno Williamson,se fosse vivo Lefvrebe la battaglia sarebbe tutta una altra cosa.
    Non sono credente mi piacciono gli scontri titanici.
    Ciao.
    Giuseppe.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 9 Febbraio 2010

    quello che fa paura ai sacerdoti della olo-religione è il fatto che il dibattito revisionista sia ormai entrato nella Chiesa Cattolica, ed è per questo che tentano disperatamentye di fermarlo..
    ritengo che la scelta di processare il Vescovo Williamson sia un grossolano errore…
    è probabile che in questo caso una certa ottusità teutonica possa arrecare seri danni alla mitologia della shoà…

    Rispondi
    • Anonimo
    • 9 Febbraio 2010

    quello che fa paura ai sacerdoti della olo-religione è il fatto che il dibattito revisionista sia ormai entrato nella Chiesa Cattolica, ed è per questo che tentano disperatamente di fermarlo..
    ritengo che la scelta di processare il Vescovo Williamson sia un grossolano errore…
    è probabile che in questo caso una certa ottusità teutonica possa arrecare seri danni alla mitologia della shoà.

    Daltanius

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor