“Defamation”: il film che accusa l’Anti-Defamation League

“Defamation”: il film che accusa l’Anti-Defamation League

Dalla nostra corrispondente Bocage riceviamo e pubblichiamo:

Qui sotto segnaliamo i collegamenti che permettono di visionare un film che raccomandiamo vivamente: “Defamation” (con sottotitoli in francese). Si tratta di un film girato da un giovane regista ebreo israeliano e il cui soggetto è, secondo l’analisi di uno dei nostri corrispondenti “Il business dell’antisemitismo visto da un regista israeliano”. Diversi informatori ce l’hanno segnalato insistendo sulla sua importanza, cosa che ci ha spinto a visionarlo nella sua totalità: non possiamo che raccomandarne la visione a tutti i corrispondenti. Non sappiamo se la ragione per la quale questo film è diffuso su internet sia quella che il suo regista non ha trovato dei produttori per distribuirlo nelle sale ma una ricerca su Google dovrebbe permettere di rispondere a questa questione. Ecco, in ogni caso, la presentazione fattane dal revisionista americano Michael Hoffman:

DEFAMATION”, IL FILM CHE ACCUSA L’ADL [ANTI-DEFAMATION LEAGUE] ORA VISIBILE SU YOUTUBE[1]

Ultimissime: abbiamo trovato un sito che mostra tutto il film, e con sottotitoli che sono più leggibili di quelli di Youtube: http://wideeyecinema.com/?p=7208

Grazie a Michael Santomauro, possiamo indirizzarvi su Youtube, dove il finora inedito documentario israeliano che accusa l’ADL e la paranoia dell’”antisemitismo” – “Defamation”, di Yoav Shamir – è ora visibile in nove parti separate.

Se si deve credere all’esperienza, questo film verrà velocemente rimosso da Youtube, così cercate di vederlo il più presto possibile.

Se avete poco tempo, vi raccomando di vedere subito le parti 6, 7 e 8, per quanto è l’intero film ad essere straordinariamente istruttivo (vi sono sottotitoli in alcuni spezzoni, che sono quasi illeggibili; il difetto è imputabile a Youtube, non al film).

Avendo visto questo film nella sua interezza, sono convinto più che mai che i movimenti contemporanei organizzati neo-nazisti e jihadisti, che se la prendono con gli ebrei e che diffondono l’odio contro gli ebrei sono, in tutto o in parte, diretti in modo occulto dai servizi segreti israeliani e occidentali.

Un tema importante dei miei scritti e delle mie conferenze negli ultimi anni è stato che il giudaismo e il sionismo hanno disperatamente bisogno di gruppi e incidenti “antisemiti” per mantenere il loro prestigio. Questo film offre potenti prove di tutto ciò.

Sono stato rincuorato dalla presenza di alcuni giudei molto onesti che hanno parlato con sincerità davanti alla videocamera, in particolare un giudeo russo di Mosca. Le osservazioni più profondamente lucide, provocatorie e coraggiose sono quelle di Norman Finkelstein. Inoltre, il regista, Yoav Shamir, è una persona onesta.

Parte 1 10:59
http://www.youtube.com/watch?v=gyrLUKxF3ns

Parte 2 10:59
http://www.youtube.com/watch?v=axMJ0FxAQQ8

Parte 3 10:59
http://www.youtube.com/watch?v=DiHjx9PIZL4

Parte 4 10:08
http://www.youtube.com/watch?v=nlglNxYWuXs

Parte 5 10:13
http://www.youtube.com/watch?v=tXKNSKkn6vs

Parte 6 10:59
http://www.youtube.com/watch?v=pt0WVs4H57k

Parte 7 10:48
http://www.youtube.com/watch?v=WGqECA9ZVOA

Parte 8 8:08
http://www.youtube.com/watch?v=8-uGXf5yRhw

Parte 9 6:41
http://www.youtube.com/watch?v=x4CO_68qoLM
[1] http://revisionistreview.blogspot.com/2010/01/adl-expose-movie-defamation-on-youtube.html

FINE
Da una breve ricerca su Google ho appreso che “Defamation” ha vinto, lo scorso 9 Novembre, la cinquantesima edizione del festival dei Popoli: http://it.movies.yahoo.com/09112009/8/cinema-defamation-yoav-shamir-vince-50-festival-dei-popoli.html . La tesi del film, apprendiamo dal blog “Frammenti vocali in MO” (http://frammentivocalimo.blogspot.com/2009/12/videodefamation-di-yoav-shamir-film.html ) è che “oggi l’antisemitismo è innescato da, e funzionale a, l’establishment israeliano, lo stato di Israele e le lobby ebraiche, soprattutto negli USA.”.
2 Comments
    • ettore marano
    • 31 Gennaio 2010

    http://www.mecanopolis.org/?p=13006 èil sito dove viene presentato il film con sottotitoli in francese e un commmento in francese sul film. Hoffmann trova interessante la parte 6, 7 , 8 io lotrovo tutto interessante , ma in primo luogo le due parti fra i quali deliziosa l'intervista alla nonna dell'autore colona dagli inizi del secolo che stila dei giudizi sui suoi correligionari che farebbero passare Julius Streicher e Giovanni Preziosi come dei moderati filosemiti.interessante anche come vengono indottrinati e terrorizzati i giovani israeliani e come venga loro detto che TUTTI ce l'hanno con loro a prescindere, e come vengano tenuti sott'occhio dagli agenti del mOssad che dovrebbero "protegggerli"….

    Rispondi
    • Anonimo
    • 2 Febbraio 2010

    Dicono di essere il popolo eletto.Come sarebbe bello se sparissimo tutti e li lasciassimo da soli,soli in tutto l'universo.
    Ma si' perche' il loro piacere e' quello di farci schiavi ma se non ci siamo piu' che se ne fanno del loro presunto primato?
    A cosa ti serve il potere se non c'e' nessuno su cui esercitarlo?
    Ciao.
    Giuseppe.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Pierre Marais ci ha lasciati

PIERRE MARAIS CI HA LASCIATI Il revisionismo storico ha perso uno dei suoi precursori: Pierre Marais è deceduto durante il sonno nella notte dal 19 al 20 settembre scorso. Nato il 3 ...

Read More
Sponsor