Una visita al prigioniero Wolfgang Froelich

Una visita al prigioniero Wolfgang Froelich

Wolfgang Froelich

Dalla nostra
corrispondente
Bocage ricevo e
traduco:
Wolfgang Fröhlich, austriaco di 62 anni, è incarcerato per
revisionismo dall’agosto 2007 e, in linea di massima, dovrà scontare 8 anni e
mezzo: ingegnere chimico di formazione, sa troppo bene che cos’è lo Zyklon B e
le sue conoscenze dell’argomento hanno fatto di lui ben presto un revisionista
che non si è privato di esprimerle in modo forte e chiaro.
Una coppia di amici si è recata alla prigione di Krems dove
è incarcerato e ha pubblicato un resoconto della visita sul sito Altermedia.
Eccolo, riassunto dal nostro fedele traduttore (che ringraziamo):
I
visitatori parlano dapprincipio del loro viaggio d’inverno per Krems, una
piccola città di 25.000 abitanti situata a circa 80 chilometri a ovest di
Vienna, e che è conosciuta soprattutto per la sua imponente prigione di Stein.
Al
loro arrivo vengono introdotti in una prima sala dove aspettano una decina di
altri visitatori che, secondo il relatore, non appartengono evidentemente alla “Haute
Volée”[1]
[alle persone di ”alto bordo”]. Fröhlich dirà loro che in questo carcere il 90%
dei detenuti non hanno “radici germanico-austriache”.
Alla
chiamata del nome “Fröhlich” si recano in un parlatorio dove, da una parte e
dall’altra di un grande tavolo sormontato da un vetro di 40 centimetri di altezza,
e sorvegliato ad una delle sue estremità da una guardia, visitatori e
prigioneri possono intrattenersi senza però potersi dare la mano al di là del
vetro.
Essi
si trovano dunque di fronte a questo ingegnere laureato, negatore dell’Olocausto,
chiamato Wolfgang Fröhlich che, non senza un certo sbalordimento da parte dei
visitatori, sembra non abbia perduto nulla del suo dinamismo se non della sua
gioia di vivere. Eppure si tratta di un uomo che, unicamente per le sue
opinioni difformi rispetto alla storia dell’Olocausto, ha già passato 11 anni nelle galere austriache.
Fröhlich parla molto. Riferisce che in questa prigione viene trattato bene
mentre conserva un ricordo spaventoso di un’altra prigione, a Hirtenberg, dove
è stato parimenti incarcerato.
Qui
può leggere e scrivere a piacimento con la sua propria macchina da scrivere,
ciò di cui non si priva. In particolare, ha recentemente rivolto delle critiche
documentate contro la stampa e la giustizia austriache, critiche che, secondo
lui, hanno creato dell’effervescenza fino alla più alte sfere, cosa di cui i
suoi visitatori rimangono scettici. Fröhlich ha principalmente poggiato la
propria argomentazione sulla raccomandazione 49 della commissione ONU per i
diritti dell’uomo dell’estate 2011, che dichiara espressamente che la messa in
dubbio del genocidio degli ebrei non dovrebbe essere punibile[2].
Il
prigioniero conta anche di poter beneficiare di una liberazione anticipata nel
marzo 2013 poiché in tale data avrà ultimato i due terzi della pena e poiché per
quanto riguarda la sua condotta di prigione nessuno contesta che sia stata
esemplare.
Anche
su questo, i nostri amici rimangono scettici, e non condividono l’ottimismo del
prigioniero. Certo, i “criminali d’opinione” come Gerd Honsik e David Irving
hanno beneficiato di liberazioni anticipate. Ma godevano dell’assistenza di un
avvocato impareggiabile come Herbert Schaller ed erano relativamente
conosciuti. Al contrario, Fröhlich dà l’idea di un combattente solitario, di un
martire che nessuno conosce e che non interessa a nessuno. Una grazia sembra
dunque tanto meno probabile in quanto Fröhlich non nasconde affatto di voler
perseverare nella diffusione delle sue idee eretiche.
Dopo
un’ora di colloquio i visitatori, visibilmente impressionati dal coraggio, dal
dinamismo e dalla volontà incrollabile del prigioniero, lasciano un uomo di cui
– a causa delle sue idee – si è stroncata, scientemente e con metodo, la vita
personale e professionale ma che, è chiaro, non rinnegherà mai ciò per cui gli
è stato inflitto un vero calvario, nella vana speranza che abiuri e che rinunci
ad ogni militanza.
FINE
Per scrivere al prigioniero:
Signor Wolfgang Fröhlich
HNr: 46484
JA Krems/Stein
Steiner Landstr. 4
A-3503 Krems/Stein (Wachau/NÖ)
(Austria)

La prigione di Krems/Stein
 

[1] In francese
nel testo.
[2] Vedi in
proposito il post La Human Rights
Commission sconfessa le leggi antirevisioniste!
: https://www.andreacarancini.it/2011/12/la-human-rights-committee-sconfessa-le/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Pierre Marais ci ha lasciati

PIERRE MARAIS CI HA LASCIATI Il revisionismo storico ha perso uno dei suoi precursori: Pierre Marais è deceduto durante il sonno nella notte dal 19 al 20 settembre scorso. Nato il 3 ...

Read More
Sponsor