Condannati in Germania Alfred e Monika Schäfer

Nei giorni scorsi ci sono giunte dalla Germania una cattiva e una buona notizia.

La notizia cattiva è che i due fratelli Alfred e Monika Schäfer sono stati condannati rispettivamente a 3 anni e due mesi e a dieci mesi di prigione per “istigazione all’odio”.

La notizia buona è che Monika è stata rilasciata avendo già scontato la sua pena nei mesi scorsi (è stata incarcerata nel gennaio di quest’anno).

Alfred e Monika Schäfer sono entrambi cittadini canadesi. Erano stati incriminati per aver prodotto e postato su Youtube un video – Sorry, Mom, I was wrong about the Holocaust (“Scusa mamma, mi sbagliavo sull’Olocausto”) – in cui Monika diceva che l’Olocausto è la menzogna più grande, perniciosa e persistente della storia umana.

A quanto pare, durante il processo Monika ha ribadito la propria posizione, sostenendo che l’Olocausto è una “grande menzogna”

Il processo era iniziato a luglio. Monika si trovava in Germania perché era venuta a trovare il fratello ed è stata arrestata mentre assisteva ad un processo – l’ennesimo – contro la revisionista Sylvia Stolz.

Monika Schäfer è stata a suo tempo un’attivista dei Verdi canadesi, con i quali è stata candidata alle elezioni nella provincia dell’Alberta nel 2006, 2008 e 2011. Il partito però l’ha cacciata proprio a causa del predetto video.

Alfred Schäfer era stato già condannato lo scorso mese di maggio, sempre per “istigazione all’odio”, per un discorso da lui tenuto a Dresda nel febbraio 2017. Era stato multato di 5.000 euro.

Non si sa ancora se le condanne contro i due fratelli saranno oggetto di appello.

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

L’originalità di Faurisson

Tra i tanti commenti pubblicati in Italia sulla morte di Robert Faurisson quello di Ugo Maria Tassinari risalta per la mancanza di acrimonia. Nel suo testo c’è però un’inesattezza. Scrive Tassinari: “Faurisson ...

Read More

Robert Faurisson: l’omaggio degli amici

La morte del prof. Faurisson, avvenuta domenica scorsa, è stata commentata da tutti i più importanti giornali italiani (ne potete leggere una rassegna qui). Non è stata una gradevole lettura: inesattezze, imprecisioni, ...

Read More
Sponsor