Michael Hoffman: la Rivelazione del Metodo da parte della Criptocrazia

Michael Hoffman: la Rivelazione del Metodo da parte della Criptocrazia

LA RIVELAZIONE DEL METODO E L’UCCISIONE DELL’ANIMA[1]

Una pagina dal manuale di guerra psicologica della Criptocrazia
Di Michael Hoffman, 2006
No, questo non è un pezzo sull’ectoplasma o sulle sorelle Fox[2]; ma sull’epistemologia del soffocamento di massa dello spirito, dell’anima e della mente; in altre parole, su una pagina del manuale di guerra psicologica della Criptocrazia.
Nell’edizione del 5 giugno 2006 del New York Times, è apparso un articolo illustrato, su un terzo della pagina A19, sul concetto che gli attacchi terroristici dell’11 settembre furono patrocinati dal governo americano. L’articolo era intitolato “For 9/11 Conspiracy Buffs, a Chance to Compare Notes” [Per i patiti del complotto dell’11 settembre: la possibilità di confrontare delle osservazioni]. Era firmato da Alan Feuer.

Se non stessimo sull’alchemica scena del “Così Dev’Essere” nell’era del “Rendere Manifesto tutto ciò che è Nascosto”, allora questo articolo del New York Times non avrebbe mai visto la luce, o l’articolista l’avrebbe semplicemente messa in burla, o avrebbe insinuato che i complottisti dell’11 settembre sono adatti essenzialmente all’ospedale psichiatrico, nella tradizione americana di quello che Richard Hofstadter definiva sarcasticamente lo “stile paranoide”.

Nulla del genere in tale articolo, però. Il New York Times ha graziosamente definito i ricercatori dell’11 settembre “scettici e scienziati”. È stato persino fornito il sito web di questi dissidenti: 911Truth.org

L’anomalia del crollo dell’edificio n°7 del World Trade Center, che non venne attaccato in nessun modo visibile, ma che cadde comunque, seppur misteriosamente, è stata citata, invece che evitata. Parimenti notati dal Times sono argomenti scabrosi quali il crollo delle torri del World Trade Center mediante “demolizione controllata”, e il fatto che “il comando militare che monitora gli aerei “smontò di guardia” il giorno degli attacchi”. Questo è proprio il genere di dati sensibili, riservati che dovrebbero mettere la Criptocrazia nell’imbarazzo, a meno che la stessa Criptocrazia ne approvi la diffusione per gli scopi della Rivelazione del Metodo.
Steven E. Jones

Il professor Steven E. Jones, fisico, viene riconosciuto dal New York Times come l’antidoto al Rapporto del National Institute of Standards and Technology, che sostiene di aver demolito l’idea che il crollo dell’edificio n°7 del WTC fu un’anomalia di qualsivoglia genere. Viene fornito un lungo URL della relazione confutatoria del prof. Jones.

Il tenore dell’articolo del New York Times è assolutamente rispettoso. Non afferma altro che vi sono buone ragioni per credere che il governo americano fece tutto ciò ai propri cittadini. Una concessione decisamente sbalorditiva, nel “giornale ufficioso” della nazione, in un articolo che occupa un terzo della pagina 19 nella prima sezione del giornale, sotto il titolo “New York Report”.

L’articolo del Times del 5 giugno è senza precedenti; avrebbe dovuto sollevare enormi ondate: l’addetto stampa di Bush avrebbe dovuto esserne interpellato, Ann Coulter l’avrebbe dovuto affrontare, il prof. Jones avrebbe dovuto stare su tutti i network d’informazioni. Il New York Times avrebbe dovuto commentare con un editoriale. Invece, solo qualche debole bip di reazione sullo schermo dei media e poi, linea piatta.

Avevo promesso all’inizio di questo pezzo di coinvolgervi in un’incursione nell’epistemologia del controllo della Criptocrazia, così eccoci! La “Rivelazione del Metodo” era un’arma mortale in mano ai nemici dell’Establishment, in quei tempi passati in cui il popolo americano disponeva di una mente vigile, di una coscienza consapevole, di una forza di volontà intensa e di non troppe distrazioni.
Oggi, l’amnesia, l’indifferenza, e le distrazioni sia digitali che cornucopiche del consumatore, sono onnipervasive, tranne quando il popolo viene imbeccato dall’Establishment affinché si indigni, come nello sdegno prodotto dal Darfur e, qualche anno prima, dal Kosovo. Questo è lo sdegno ufficiale. Lo sdegno popolare immediato, spontaneo, è difficile da trovare.

Quando il New York Times, un organo del Sistema stesso, insinua con forza che il governo americano è complice dell’uccisione di migliaia dei propri cittadini – e come risultato di questa rivelazione non vi sono prolungate proteste per strada, manifestazioni di massa, tumulti, picchetti, processi, udienze teletrasmesse, grida e fischi all’indirizzo di Rumsfeld, Cheney, Bush e Ashcroft dovunque presenzino a eventi pubblici; né inchieste speciali da parte di giornalisti televisivi e della carta stampata – vuol dire che l’uccisione delle nostre anime sta avvenendo a livello di massa, e l’azzardo della Criptocrazia di rivelare quest’informazione, paga.

Il gioco d’azzardo della Criptocrazia…

È rischioso rivelare alle persone ciò che è stato loro fatto dalla classe di gangster che le spadroneggia. È evidente che, in seguito alla rivelazione, il rischio è quello della rappresaglia, del castigo e dell’ira popolare. Ma dove ce n’è poca o nessuna, allora la Criptocrazia ha triplicato la propria presa sulle menti e i cuori degli americani: ha alluso con forza alla strage commessa l’11 settembre e tuttavia vi sono poche ripercussioni significative. Questa non reazione tende a dimostrare che gli americani accettano, al livello subliminale della loro coscienza, che i loro leader sono stragisti dei propri compatrioti, e in massima parte la loro reazione è scrollarsi la cosa di dosso e andare al centro commerciale.

Se il governo federale riuscirà in un altro grande attacco contro l’America per mezzo dei suoi gonzi islamici, potrà davvero rovesciare il nostro paese sotto la legge marziale. Portare in giudizio i perpetratori dietro le quinte degli attacchi dell’11 settembre impedirebbe l’orchestrazione di stato di un secondo attacco, quello che con ogni probabilità condurrebbe alla tirannia della legge marziale e all’eclisse del sogno di libertà americano. Ma anche dopo le rivelazioni del New York Times del 5 giugno – piene di indicazioni alle pagine web che forniscono solide prove di un ruolo ufficiale negli attacchi terroristici – Atlante fa spallucce.

Questa è una risposta meno-che-umana, il risultato della manipolazione alchemica dell’umanità, la devoluzione dall’angelo alla bestia.

Così, ecco a voi: una pagina dal manuale di guerra psicologica della Criptocrazia in tempo reale.

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://911review.org/Alex/Psychological_Warfare.html
[2] Le sorelle Fox erano tre sorelle di New York che ebbero un ruolo importante nella creazione e nella diffusione, nei paesi anglosassoni, dello spiritismo: http://it.wikipedia.org/wiki/Sorelle_Fox

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Pierre Marais ci ha lasciati

PIERRE MARAIS CI HA LASCIATI Il revisionismo storico ha perso uno dei suoi precursori: Pierre Marais è deceduto durante il sonno nella notte dal 19 al 20 settembre scorso. Nato il 3 ...

Read More
Sponsor