Italo Bocchino e l’articolo 241 del Codice Penale

Italo Bocchino e l’articolo 241 del Codice Penale

Italo Bocchino, capogruppo alla Camera di Futuro e Libertà, ha rilasciato tre giorni fa la seguente dichiarazione:

 ”Servirebbe adesso un passo ulteriore -rimarca Bocchino- a tutela della nostra dignita’ nazionale da parte del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che farebbe bene a recarsi immediatamente a Brasilia per incontrare la Rousseff comunicandogli l’interruzione di tutti i rapporti commerciali tra i due paesi, anche per dimostrare che il nostro esecutivo non privilegia gli affari ai principi[1]”.
Sul caso Battisti-Lula hanno già espresso considerazioni condivisibili Gabriele Adinolfi[2] e Piero Sansonetti.[3]
Io mi limiterei a ricordare, a Bocchino e a tutti i politicanti come lui, coinvolti nei mesi scorsi dall’ambasciata americana[4] nel boicottaggio di attività economiche italiane di interesse nazionale, l’esistenza dell’articolo 241 del Codice Penale:

“Chiunque commette un fatto diretto a sottoporre il territorio dello stato o una parte di esso alla sovranità di uno stato straniero è punito con la pena dell’ergastolo”[5].

Errata corrige:

mi è giunta segnalazione che, per fortuna dell’on. Bocchino (e dei suoi pari) e purtroppo per l’Italia, l’articolo 241 non è più in vigore, essendo stato sostituito dall’art. 1 della legge 85 del 2006, “Modifiche al codice penale in materia di reati d’opinione”

“1. L’articolo 241 del codice penale è sostituito dal seguente:
    «Art. 241. – (Attentati contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque compie atti violenti diretti e idonei a sottoporre il territorio dello Stato o una parte di esso alla sovranità di uno Stato straniero, ovvero a menomare l’indipendenza o l’unità dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.
    La pena è aggravata se il fatto è commesso con violazione dei doveri inerenti l’esercizio di funzioni pubbliche»” (http://www.camera.it/parlam/leggi/06085l.htm).

In realtà, la correzione in questione si configura come un autentico colpo di mano, essendo inserita in un contesto riguardante reati d’opinione. Cosa c’entrano le attività volte a limitare e a ledere la sovranità nazionale – di concerto con una o più potenze straniere – da parte di parlamentari e rappresentanti dello Stato, con i reati d’opinione???!!! 
[1] http://www.libero-news.it/articolo.jsp?id=564326

One Comment
  1. Da brividi anche quel comunicandoGLI.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor