Come fuggire da una camera a gas – II

Come fuggire da una camera a gas – II

COME FUGGIRE DA UNA CAMERA A GAS OMICIDAIN UN MODO PERSINO PIU’ FACILE

Di Thomas Kues, 11 Giugno 2009[1]

Sul numero 149 dello Smith’s Report[2] pubblicai un articolo intitolato “Experto Crede, o Come fuggire da una camera a gas omicida”, dedicato a una categoria speciale di sopravvissuti della Shoah: a quegli ebrei ingegnosi che avevano visto dall’interno una di queste favolose camere a gas naziste, ed erano riusciti a fuggire per raccontare la propria storia. Riuscire in quest’impresa equivale a superare persone come Arnold Friedman, che sopravvisse ad una gasazione a Flössenburg (!) respirando dal buco della serratura. Le “testimoni oculari” di Auschwitz Sophia Litwinska e Regina Bialek furono salvate all’ultimo momento quando una SS aprì la camera (quand’era in corso la gasazione) per tirarle fuori di lì (loro due, e nessun altro); ovviamente, la spiegazione è che erano considerate elementi preziosi dai tedeschi, per una ragione o per l’altra, e perciò vennero risparmiate affinché potessero raccontare al mondo la propria storia. La testimone di Majdanek, Mary Seidenwurm Wrzos sopravvisse alla camera a gas in modo simile, per quanto assai più scaltro: quando il gas iniziò a fluire, attraverso “tre grandi buchi neri”, ella iniziò a colpire la porta, gridando di essere una guardia tedesca. Alla fine, gli uomini muniti di maschera antigas aprirono la porta e la tirarono fuori. Curiosamente, non venne rispedita nella camera a gas – o punita in altro modo – quando i tedeschi scoprirono che non era una di loro…Un altro detenuto di Majdanek, Mietek Grocher, semplicemente se la svignò dalla porta ancora aperta della camera a gas mentre la (singola!) guardia guardava da un’altra parte e quindi schivò una gragnuola di pallottole dai tedeschi che lo inseguirono.

Tuttavia, ho scoperto recentemente che vi sono casi documentati di fughe dalla camera a gas persino più astute. Sfortunatamente, non abbiamo i nomi dei protagonisti ma sappiamo che ve ne sono più di uno e che si tratta di donne (chiaramente, non donne inclini al panico e isteriche ma rappresentanti lucide e ingegnose del proprio sesso). Nel suo libro Den Lifsfarliga Glömskan [L’oblio fatale], Brombergs, Stoccolma, 1986, Inga Gottfarb, una scrittrice ebrea-svedese – e attivista sionista – fa la seguente citazione da un rapporto da lei inviato all’American Jewish Joint Distribution Committee di New York “alla metà di Maggio del 1945”, e riguardante l’accoglimento di ex detenute dei campi di concentramento nella città svedese di Malmö avvenuto il 29 Aprile dello stesso anno (pp. 162-163):

“Många hade varit i Auschwitz, hade “gasnummer” intatuerade på sina armar. Några hade lyckats ta sig ut ur gaskammaren genom ett fönster».

Traduzione:

“Molte sono state ad Auschwitz e sono stati loro tatuati sul braccio i “numeri del gas”. Qualcuna è riuscita a fuggire dalla camera a gas dalla finestra”.

Si può essere più bravi di così? O bisogna aspettarsi di scoprire un giorno la storia di un fortunato raccoglitore di serrature di camere a gas? Come ha detto una volta H. L. Mencken (o forse il grande burlone P. T. Barnum): “Nessuno è mai diventato povero sottovalutando la stupidità umana”.

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://www.revblog.codoh.com/2009/06/how-to-escape-from-a-homicidal-gas-chamber-in-an-even-easier-way/#more-337
[2] http://www.codoh.com/newsite/sr/online/sr_149.pdf . Traduzione italiana all’indirizzo: http://ita.vho.org/028Fuggire_Camera.htm

5 Comments
    • Anonimo
    • 16 Giugno 2009

    sappiamo tutti che il miglior modo di "evadere" è con la fantasia …

    con la fantasia si passa benissimo per il buco della serratura!

    (cfr. "Alice nel paese delle camerette a gas" da olokaustos.bal)

    Rispondi
    • Anonimo
    • 17 Giugno 2009

    come uscire da una camera a gas ricco sfondato!
    http://80.241.231.25/ucei/PDF/2009/2009-06-17/2009061713029987.pdf

    questo è quello che ha riconsegnato…immaginiamo tutto cio che ha "trattenuto".

    Rispondi
    • Andrea
    • 17 Giugno 2009

    perchè prendere in giro i morti per dengrare i vivi? vergognatevi?

    Rispondi
    • Anonimo
    • 17 Giugno 2009

    … eventualmente prendevano in giro i "vivi sopravissuti", i quali speculano sfacciatamente sui morti …

    vergognati tu di parlare sempre a sproposito, pur di controbattere in qualche modo!

    … ghe feto, o ghe sito?
    (ci fai o ci sei?)

    Rispondi
    • Anonimo
    • 23 Giugno 2009

    Io sono fuggito da una camera
    a gas negli states.
    Come ho fatto?
    Mi sono teletrasportato.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor