Paul Eisen: un ebreo solidamente revisionista

Paul Eisen: un ebreo solidamente revisionista

Dalla nostra
corrispondente
Bocage ricevo e
traduco:
Come il suo amico, il musicista jazz Gilad Atzmon, Paul
Eisen, ebreo israeliano, vive in Inghilterra. Nonostante il suo ruolo di
direttore per l’Inghilterra del movimento “Deir Yassin Remembered” (Ricordo del
massacro dei palestinesi del villaggio di Deir Yassin) è stato a lungo
considerato come un uomo rispettabile fino al giorno in cui … nel 2005 ha
aperto gli occhi sul revisionismo e ha pubblicato un testo intitolato “The
Holocaust Wars” (Le guerre dell’Olocausto): in esso, vi prendeva le difese del
revisionista tedesco-canadese Ernst Zundel, all’epoca incarcerato, e presentava
in modo obbiettivo gli argomenti dei revisionisti. Gli anglofoni troveranno una
lunga confessione molto toccante di quest’uomo intitolata “My Life as a
Holocaust Denier” (La mia vita di negazionista), del 2008, al seguente
indirizzo:

Paul Eisen è stato fatto oggetto di interminabili
persecuzioni ma non ha mai ritrattato. Per lui, i revisionisti fanno parte
“delle persone più coraggiose del pianeta” …

Il 5 dicembre 2012, scriveva sul suo blog un articolo avente
per titolo “Why I Call Myself a Holocaust Denier” (Perché mi definisco un
negazionista) che terminava con queste parole (traduzione MOLTO rapida)[1]:

Gli
studiosi e i ricercatori revisionisti dell’Olocausto sono studiosi coscienziosi
e competenti dei fatti storici, e per loro il termine “negazionisti dell’Olocausto”
è solo un insulto per additarli all’esecrazione, come il termine “strega” nel
Medioevo. Ma per me, “negazionista dell’Olocausto” è un’etichetta che accetto.
Questo non perché non pensi che agli ebrei non sia accaduto nulla di cattivo
nelle mani dei nazionalsocialisti – per quello che vale la vera storia della
brutale pulizia etnica mi commuove molto di più di qualunque “Olocausto” – e
certamente non è perché pensi che violenze del genere siano giuste e
appropriate. No, io nego l’Olocausto perché – nel modo in cui si è costituita,
ed è stata sfruttata e attuata – la narrazione dell’Olocausto è un dio falso e
offensivo, e voglio mettere tra essa e me la maggiore distanza possibile. 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor