Germar Rudolf: aspetti della guerra biologica durante la seconda guerra mondiale

Germar Rudolf: aspetti della guerra biologica durante la seconda guerra mondiale

Germar Rudolf

ASPETTI DELLA GUERRA
BIOLOGICA DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE[1]

Di Germar Rudolf,
2005

Le armi di distruzione di massa – un termine che oggi
provoca in molte persone riflessi pavloviani, poiché il governo degli Stati
Uniti usa la paura dei suoi cittadini per attuare la propria politica imperiale
– vengono impiegate a partire dalla prima guerra mondiale. L’uso del gas tossico
sul fronte occidentale durante la prima guerra mondiale è stato descritto in
modo approfondito, e tutti sanno delle due bombe atomiche che hanno devastato
Hiroshima e Nagasaki. È risaputo anche che i tedeschi avrebbero avuto la
possibilità di usare nuove, devastanti armi chimiche – il Sarin e il Tabun – ma
che decisero di non usarle, a quanto pare perché Hitler era contrario alle armi
di distruzione di massa.

Un aspetto meno conosciuto è la guerra biologica intrapresa
sul fronte orientale durante la seconda guerra mondiale. Nel suo libro Biohazard[2], Ken
Alibek, che fu tra il 1988 e il 1992 il vice responsabile del programma di armi
biologiche dell’Armata Rossa, ha ricapitolato le sue esperienze e i risultati
delle sue ricerche negli archivi sovietici. Secondo le sue risultanze, i sovietici
avevano usato batteri che provocano la tularemia contro le unità di
combattimento della Wermacht durante la battaglia di Stalingrado del 1942[3] [4]. I sintomi
di questa malattia sono emicrania, nausea e febbre alta, che se non curati,
possono condurre alla morte. Sebbene questa malattia in Russia sia endemica,
con circa 10.000 casi ogni anno, essa ebbe uno scoppio improvviso nell’estate
del 1942 presso i soldati tedeschi, tale da indurre la campagna tedesca nella
Russia meridionale ad uno stop temporaneo. Ma in seguito la malattia si diffuse
nella popolazione civile, e anche dalla parte sovietica, il che spiega perché le
armi biologiche non sono così promettenti come sembrano a qualcuno.

Alibek riferisce che anche il tifo, a partire dal 1928, era
stato preso in considerazione dal governo sovietico per fungere da arma
biologica in caso di guerra. Sebbene ancora non si sa se questa malattia sia
stata diffusa dall’Armata Rossa, c’è un indizio che bacilli di tifo vennero
davvero usati come arma all’est contro le forze di occupazione tedesche: in
frequenti rapporti al segretariato congiunto degli stati maggiori combinati
delle forze alleate, il colonnello L. Mitkiewicz, ufficiale di collegamento
dell’esercito segreto polacco con questi stati maggiori, riferì sulle attività
del suo esercito segreto. Riproduciamo qui il rapporto datato 7 settembre 1943[5]. L’esercito
segreto polacco era comandato da Londra dal generale Sikorski, che rimase
ucciso in un incidente aereo a Gibilterra il 4 luglio 1943. Questo esercito
segreto polacco non va confuso con l’esercito di liberazione nazionale, che
venne costituito nel 1944 dai comunisti.

Anche se ci si deve aspettare che le cifre fornite in questo
rapporto siano esagerate, il fatto che i combattenti clandestini polacchi
abbiano inferto delle vittime alle forze di occupazione tedesche è
indubitabile, e anche se una tale guerra partigiana contro una potenza
occupante è illegale, non si può biasimare polacchi, da un punto di vista morale,
per aver intrapreso una tale guerra contro quella che ritenevano un’occupazione
illegale. Ciò che qui ci interessa, è la penultima pagina di tale rapporto, che
figura sotto il paragrafo “3. Attività di
rappresaglia
”:

Diffusione dei
microbi della febbre tifoidea e dei pidocchi vettori del tifo
: in qualche centinaio di casi”.

Fritz Berg è stato il primo a descrivere in dettaglio gli
sforzi dei tedeschi per combattere il tifo[6] — che
può essere probabilmente definito il killer principale dei campi di
concentramento tedeschi – e salvare così le vite anche a molti detenuti ebrei
dei loro campi.

Hans Jürgen Nowak e Hans Lamker furono i primi a far notare che i
tedeschi, nel 1943/44, presero una decisione sbalorditiva: durante la guerra, i
tedeschi avevano inventato i forni a microonde, che sfruttarono non solo per
sterilizzare il cibo, ma anche per disinfettare e spidocchiare i vestiti. La prima
unità di disinfestazione operativa a microonde venne progettata per essere
messa all’opera sul fronte orientale: per spidocchiare e disinfettare i vestiti
dei soldati tedeschi, la cui seconda minaccia più seria era costituita da varie
malattie infettive. Ma i tedeschi ripensarono alla loro decisione e, invece di
utilizzare la detta unità sul fronte orientale, alla fine la inviarono a
Auschwitz, per salvare le vite dei loro prigionieri, in massima parte ebrei[7]. Quindi,
quando si presentò la necessità di proteggere le vite minacciate dalle malattie
infettive, all’epoca era ovviamente più importante, per i tedeschi, salvare i
detenuti di Auschwitz, che venivano impiegati nelle industrie di guerra dell’Alta
Slesia, che salvare i propri soldati sul campo di battaglia.

Mentre i tedeschi combattevano disperatamente il tifo su tutti
i fronti, con tutte le tecnologie disponibili, per salvare le vite non solo dei
loro soldati ma anche quelle – per loro in una certa misura persino più
importanti – dei loro prigionieri, i nemici della Germania sfruttarono le
esplosioni delle epidemie di tifo in Germania e ne incolparono i tedeschi,
accusandoli di aver deliberatamente esposto milioni di persone innocenti a
questa malattia, fino a trasformare uno dei mezzi usati per combatterla – lo Zyklon
B – in un presunto mezzo di sterminio[8].  

La verità è la prima vittima di ogni guerra.

    

[1] Traduzione
di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://vho.org/tr/2004/1/Rudolf88-90.html
[2] Ken Alibek,
Steven Handelman, Biohazard. The Chilling True Story of the Largest
Covert Biological Weapons Program in the World – Told from Inside by the Man
Who Ran it
[Pericolo biologico. L’agghiacciante storia vera del più grande programma segreto di armi biologiche del mondo – Raccontata dall’interno dall’uomo che lo diresse], Random House, New York 1999; vedi anche la recensione di Mark
Weber, “Secrets of the Soviet Disease
Warfare Program
”, in Journal of
Historical Review
, 18 (29), 1999, p. 32. In rete:  http://www.vho.org/GB/Journals/JHR/18/2/Weber32.html
[3] Malattia
infettiva acuta, simile alla peste, molto diffusa  nei roditori e trasmissibile all’uomo (n. d.
t.).
[4] Ken
Alibek, ivi, pp. 29-31.
[5] Record
Group (RG) [Gruppo di documenti] 218, Archives of the Joint Chiefs of Staff
[Archivi degli stati maggiori congiunti]; Box 701; “Geographic File 1942-1945, CCS 231.5 Poland (9/21/43) to CCS 381 Poland
(6/30/43), Sec 2
”; cartella CCS 381 Polonia (6/30/43) Sec. [section,
sezione] 1, “Military Organization of
Poland as Factor in General European Planning
[L’organizzazione militare
della Polonia come fattore della programmazione europea generale]. Sec. 1 “Correspondence from 6/30/43 thru 11/4/43
[Corrispondenza dal 30 giugno ’43 al 4 novembre ‘43], rapporto datato 7
settembre 1943, dal colonnello Mitkiewicz al generale Dean; il testo di questo
rapporto venne pubblicato per la prima volta in traduzione francese con il
titolo “Le Rapport Mitkiewicz du 7
septembre 1943 ou l’arme du tiphus
”, in Revue
d’Histoire Revisionniste
, n°1, maggio-luglio 1990, pp. 115-128. In rete:  http://www.vho.org/F/j/RHR/1/Mitkiewicz115-128.html
[6]
Friedrich Paul Berg, “Typhus and the Jews
[Il tifo e gli ebrei], in Journal of
Historical Review
, 8 (4) (1988), pp. 433-481. In rete: http://www.vho.org/GB/Journals/JHR/8/4/Berg433-481.html
[7] Hans Jürgen
Nowak, “Kurzwellen-Entlausungsanlagen in
Auschwitz
”, in Vierteljahreschefte für freie Geschichtsforschung, 2 (2)
1998, pp. 87-105, in rete: http://www.vho.org/VffG/1998/2/Nowak2.html
]; Hans Lamker, “Die Kurzwellen-Entlausungsanlagen
in Auschwitz, Teil 2
”, ibid. 2
(4) (1998) , pp. 261-273, in rete:  http://www.vho.org/VffG/1998/4/Lamker4.html
. Il primo di questi articoli è stato tradotto in inglese e pubblicato come
parte dell’articolo di Hans Jürgen Nowak e Werner Rademacher “Some Details of the Central Construction
Office of Auschwitz
” [Alcuni dettagli della Direzione Centrale delle
Costruzioni di Auschwitz], in Germar Rudolf (a cura di), Dissecting the Holocaust [Esaminare l’Olocausto], seconda edizione,
Theses & Dissertation Press, Chicago 2003, pp. 311-336 [il testo citato da
Rudolf corrisponde al capitolo 2 del detto articolo, in rete: http://vho.org/GB/Books/dth/fndNowak.html
]; vedi anche il breve riassunto di Mark Weber, “High Frequency Delousing Facilities at Auschwitz” [Apparecchi di
disinfestazione ad alta frequenza ad Auschwitz], in Journal of Historical Review, 18 (3) (1999), pp. 4-12. In rete: http://www.vho.org/GB/Journals/JHR/18/3/Weber4.html
[8] Su questo
vedi,  ad esempio, Friedrich Paul Berg, “Zyklon B and the German Delousing Chambers
[Lo Zyklon B e le camere di disinfestazione tedesche], in Journal of Historical Review, vol. 7, n°1, pp. 73-94. In rete: http://www.vho.org/GB/Journals/JHR/7/1/Berg73-94.html

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor