Freda: il don Benedetto Ciampitti di Piazza Fontana

Freda: il don Benedetto Ciampitti di Piazza Fontana

Freda in una recente immagine

L’intervista a Franco Freda su Piazza Fontana ripresa da Ugo
Tassinari sul suo blog:

Il revisionista
Franco Freda, pur convinto – e innegabilmente meritorio[1]
– revisionista dell’Olocausto, costretto però dal suo coinvolgimento personale su
Piazza Fontana a reiterare il concetto, fuorviante e antirevisionista, di “mistero”.

Si confrontino, sulla differenza tra il concetto di segreto
e quello di mistero, le affermazioni revisionistiche di Serge Thion e di Paolo
Cucchiarelli, con l’uscita melodrammatica di Freda nella detta intervista.  

Serge Thion:

“In questa guerra delle parole, che non conosce tregua (date
un’occhiata ai vostri giornali), il revisionista ha dei valori più alti che non
quello della guerra, sia essa fra nazioni, fra classi sociali o fra cosmologie
religiose; crede che vi sia una verità dei fatti sociali, politici, economici, alla
quale il lavoro [intellettuale], realizzato in accordo con il metodo storico,
permette di avvicinarsi. Noi viviamo in un mondo di segreti: non, come vorrebbe
una facile caricatura, in un mondo di complotti (conspirancy teories), ma di
segreti. L’apparato statale è quello che impone ogni sorta di segreti ad ogni
sorta di documenti”[2].

Paolo Cucchiarelli:

“Piazza Fontana e l’omicidio di Moro, protagonista politico
anche nel 1969, rappresentano i due pilastri dei cosiddetti «
misteri italiani ». Tuttavia, non di misteri si tratta. In un paese come
l’Italia, affetto da una profonda debolezza civile, politica e statuale, i «
misteri »
sono i segreti che hanno potuto invecchiare grazie alla condivisione tra più
soggetti. Sono i segreti condivisi che, più o meno tacitamente contratti,
vengono occultati, elusi, spinti ai margini della cronaca, di modo che tutte le
omertà, i compromessi, le operazioni inconfessabili vi si solidificano
all’interno. Questo segreto della Repubblica ha retto – contaminando decenni
della nostra storia – solo perché ognuno ha avuto una quota di convenienza a
non rivelarlo. Chi agì per personale tutela, chi per tornaconto, chi per scelta
morale, chi per obbligo, chi per la fede nella preminenza della politica su
tutto, verità compresa: le differenti motivazioni – alcune nobili, altre
misere, molte orride – hanno portato al medesimo risultato. Cos’è d’altra parte
la politica se non convergenza di interessi?”[3].

Condivido pienamente il contenuto delle due citazioni, a
parte l’osservazione – riguardo al testo di Thion – che, a mio avviso, viviamo anche in un mondo di complotti, non solo
di segreti (i complotti sono un elemento essenziale della politica).

Ecco invece la dichiarazione di Freda:

“Se si volesse parlare con onestà, occorrerebbe dire che
Piazza Fontana è un mistero. Invece Giordana e i suoi hanno fatto di tutto pur
di addomesticare il mistero, ridurlo, adattarlo. Non allo schermo, ma alle loro
dimensioni. Occorrevano un Sofocle, un Euripide e davvero allora il mistero
avrebbe trovato le sue parole”.

Sofocle? Euripide?

Secondo me invece, per capire il “mistero” di Freda bisogna
tener presente il don Benedetto Ciampitti de Le terre del Sacramento di Francesco Jovine…

[1] È
infatti a Freda che dobbiamo la pubblicazione in Italia di alcuni fondamentali
studi di Carlo Mattogno nella collana “Visione e revisione storica”: http://www.edizionidiar.it/indice-collane/visione-e-revisione-storica/
[2] In Breve storia del revisionismo (a pagina
3 del testo in pdf):  http://revurevi.net/Teheran/STbrevestoria.pdf
[3] In Il segreto di Piazza Fontana, Ponte alle
Grazie, 2009 (prima edizione), pp. 9-10.
One Comment
  1. Qual'è la tua personale opinione sul ruolo di Freda nella strage di Piazza Fontana ?
    Non pensi che il fatto che Freda sia l'editore revisionista più importante in Italia faccia perdere credibilità al revisionismo ?

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor