La Jewish Defense Organization contro Michael Santomauro

La Jewish Defense Organization contro Michael Santomauro

Il furor judaicus contro Santomauro
IL NEGAZIONISTA DELLA PORTA ACCANTO[1]
Di Megan Finnegan, 18 maggio 2011
Un gruppo di furiosi dimostranti sono scesi sul piede di guerra il 15 maggio contro Michael Santomauro, un uomo dell’Upper East Side che costoro affermano essere un neonazista.
Guidato dalla Jewish Defense Organization, il gruppo era composto da 20 persone al culmine di un raduno durato un’ora contro Santomauro. Tenendo cartelli e gridando epiteti ingiuriosi, i dimostranti hanno schernito Santomauro da dietro una barricata blu della polizia mentre il loro obbiettivo sedeva tranquillo nella sua veranda in East 85th Street, filmando di tanto in tanto la dimostrazione con il suo iPad.
“Il raduno è stato un successo, nel senso dei numeri”, ha detto Jeff Klein, portavoce della Jewish Defense Organization. “Il problema è che vogliamo che la sede del porco nazista chiuda e vogliamo che lui sia sfrattato”.
Santomauro, che non è stato possibile contattare per un commento, dirige RePortersNoteBook.com e si è definito un “revisionista dell’Olocausto”. Sul suo sito, scrive in modo critico degli ebrei e di Israele.
Santomauro è stato accusato in passato di diffondere sentimenti antiebraici, e lasciò l’Upper West Side diversi anni fa, forse a seguito di pressioni di qualcuno degli stessi dimostranti, che organizzarono un raduno nel 2004 chiedendo il suo sfratto. Questa protesta fa seguito a un caso in cui lui aveva inviato email contenenti materiale del suo sito web revisionista a una lista di persone che si erano iscritte al suo servizio di trova-coinquilini. Santomauro all’epoca affermò che si trattava di un errore ma un altro caso analogo ha portato ad un recente scoppio di proteste contro le sue convinzioni.
Nel gennaio di quest’anno, Santomauro aveva inviato una email ad una lista di contatto genitori della P. S.[2] 290, dove suo figlio va a scuola, in cui incoraggiava le persone a leggere un libro intitolato Debating the Holocaust: A New Look at Both Sides [Discutere l’Olocausto: un nuovo sguardo ad entrambe le parti], la cui copertina reca una grande svastica luminosa sospesa sopra una scura stella di Davide. Anche in questo caso, Santomauro disse che aveva inviato la email per errore, ma molti genitori non furono felici di riceverla.     
“Non puoi vietare a qualcuno i diritti del primo emendamento, ma io lo considero un pericolo”, ha detto Steven Silverberg, uno dei genitori che lessero la email e che, fino a quel momento, avevano considerato Santomauro un amico. “Ho parlato al Preside, ho detto: ‘sento puzza di Columbine, e di ciò che è accaduto a quella povera deputata’ [Gabriel Giffords]”.
Silverberg rimase sorpreso alla scoperta del blog di Santomauro, che espone ulteriormente le sue teorie sull’Olocausto e le sue bizzarre critiche agli ebrei.
“Ogni volta che un ebreo fa qualcosa che è leggermente fuori le righe, si trova sul suo blog. Un ebreo scoreggia da McDonald’s: finirà sul suo blog”, ha detto Silverberg. In una dichiarazione che ha postato questa settimana, Santomauro ha scritto sul suo sito che lui non è “un nazista” e che ritiene che “nessun argomento deve essere un tabù o criminalizzato e che soprattutto quando un argomento è controverso e delicato, come l’Olocausto, merita ancora più attenzione, ricerca, dibattito e discussione in modo rispettoso”.
Al raduno di domenica, che è rimasto pacifico [!!!], alla presenza di tre funzionari e di un detective di polizia, i dimostranti hanno ragguagliato i passanti sulla storia di Santomauro, dicendo alla gente che lui ha finanziato lo storico revisionista dell’Olocausto David Irving, che qualcuno chiama il “David Duke d’Inghilterra”, per farlo venire a parlare negli Stati Uniti.
“Il prossimo passo è la campagna sul padrone di casa, ha detto Klein, che ha incoraggiato le persone a chiamare il padrone di casa di Santomauro (come pure la moglie di lui, una psicologa, e i colleghi e i familiari di lei) e premere per il suo sfratto.
Rocco Postiglione, il proprietario dell’edificio, ha detto che non può fare nulla. “Da quello che so, il ragazzo non ha fatto niente di sbagliato”, ha detto. “Non ha fatto niente di sbagliato nell’appartamento”.
Postiglione ha definito gli appartenenti alla Jewish Defense Organization “matti” e “una banda di farabutti” e ha detto di essere stato bombardato di telefonate.
“Solo perché c’è una banda di persone che mi dice di buttarlo fuori di casa”, ha detto, non adirà le vie legali per sfrattare Santomauro. “Se hai un problema e non hai ragione al 100% — se non è vero, non voglio una causa”.  
“Intensificheremo la nostra campagna contro di lui: una marcia di protesta, se necessario”, ha detto Klein.

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://ourtownny.com/2011/05/18/the-holocaust-denier-next-door/
[2] Public School, scuola pubblica; in questo caso, la PS 290 Manhattan New School: http://www.ps290.org/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor