Ghost, il gilgul e Gad Lerner

Ghost, il gilgul e Gad Lerner

Il secondo brano particolarmente degno di nota nel primo capitolo di SCINTILLE di Gad Lerner è quello in cui si descrive il concetto di gilgul che – come recita la terza di copertina – “è il frenetico movimento delle anime vagabonde che ruotano intorno a noi quando la separazione dal corpo è dovuta a circostanze ingiuste o dolorose”:

“Scavare il significato delle parole è una fatica necessaria se si vuole almeno tentare di venire a capo della sofferenza nascosta. Ci provo da analfabeta dell’ebraico, che ho sempre parlato senza saperlo né leggere né scrivere, dopo che per secoli vi si sono cimentati con ben altra sapienza i mistici della Qabbalah…È a loro che devo…la definizione più consona al tumulto delle anime strattonate, com’era l’anima di nonna Teta. Di mio, già sentivo che dentro di lei si agitavano le figure confuse di Boryslaw, Haifa, Aleppo, Beirut, Milano, Tel Aviv. Soprattutto, sentivo il suo essere pervasa dall’ombra delle fosse comuni di un bosco di conifere ucraino, distante pochi tornanti in salita dalla casa natale di via Potok, meta di chissà quante sue gite infantili, là dove giace dimenticato l’unico mondo che le sia stato davvero familiare.
Ma l’intuito non sarebbe bastato. E i maestri della Qabbalah sono giunti in soccorso, tramandandomi come le anime strappate troppo bruscamente ai corpi e ai luoghi sprigionino un’energia disperata di cui va riconosciuta con intento amorevole l’alterazione.
(…)
Quando la separazione dal corpo avviene in circostanze ingiuste o dolorose, non sempre le anime raggiungono l’aldilà. Vere e proprie battaglie si scatenano talvolta sulla terra, dando luogo a inseguimenti e scontri. Nel descriverne le conseguenze i cabalisti di Safed e i loro seguaci delle scuole chassidiche sorte nell’Est europeo hanno immaginato addirittura la frantumazione di nizozot ha-neshamot, cioè di scintille d’anime: tanto violenti possono essere questi conflitti degli spiriti sulla terra.
Non saprei esprimere meglio il tormento misterioso di nonna Teta e di mio padre Moshé: bisogna turbare l’ordine del tempo e delle generazioni per dare un senso all’oggi. L’averlo riconosciuto mi aiuta pure a comprendere perché nella Diaspora ebraica fu tanto diffusa la credenza popolare nei fenomeni di possessione: spaventosi imprevisti nella trasmigrazione degli spiriti dai corpi.
(…)
Nulla a che vedere con l’ostilità per gli indemoniati che caratterizza la tradizione popolare cristiana. La spiegazione di tale differenza di trattamento, pur nella comune superstizione dell’esorcismo, è ovvia: il vagabondaggio delle anime rappresenta la condizione più diffusa del mondo ebraico, che a differenza di quello cristiano non può permettersi di demonizzarlo.
Nella Qabbalah il vagabondaggio delle anime viene dunque riconosciuto come una legge cosmica, definita con il termine onomatopeico di gilgul, che allude a un vorticoso movimento rotatorio. Mi consola constatare come il gilgul sdrammatizza la morte: trattiene accanto a noi lo spirito delle vittime, rinviandone il commiato definitivo” (pp. 26-28).

Queste considerazioni mi hanno dato un senso di déjà vu: ho pensato subito a Ghost, il celeberrimo film del ’90, con Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg[1]; le parole di Lerner me ne hanno finalmente svelato l’impalcatura concettuale. Il film in questione ebbe due Oscar, di cui uno per la migliore sceneggiatura (guarda caso, dello sceneggiatore ebreo Bruce Joel Rubin). Ricordo un punto cruciale in cui la medium interpretata da Whoopi Goldberg parla al fantasma Patrick Swayze della sua condizione di morto non ancora definitivamente defunto, incastrato tra l’al di qua e l’al di là…

Un film quindi che dà, a questa dottrina cabalista, lo stesso significato accattivante che gli attribuisce Lerner: una forma estrema di pietas, un po’ folle forse ma lodevole. Ma davvero la cultura ebraica ha con i morti un rapporto, in fondo, così sdrammatizzante? Il dubbio viene perchè, a parte l’ostilità per gli indemoniati, il timore universalmente associato ai fantasmi non appare così ingiustificato: pensiamo a cosa è capace di fare, nell’Amleto, un fantasma…

Quello che voglio dire è che la Cabala è una dottrina esoterica e, personalmente, tendo a pensare che nell’esoterismo le cose non sono mai come si presentano: se anche Hollywood ce le presenta così, abbiamo un motivo in più per essere guardinghi (con tutto il rispetto per il percorso esistenziale di Gad Lerner).

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Ghost_-_Fantasma

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Wolfgang Frölich è libero!

Da Bocage-Info ricevo e traduco: WOLFGANG FRÖLICH È LIBERO! INIZIO BOCAGE-INFO aveva annunciato l'effettuazione di un nuovo processo a Krems (Austria) che doveva pronunciarsi sulla sua capacità di discernimento. Il giornale austriaco ...

Read More

Un comunicato stampa di Michael Hoffman

Comunicato stampa di Michael Hoffman[1] IL CAPO DELL’ANTI-DEFAMATION LEAGUE SORPRESO A TRAVISARE LA PROLUSIONE DI MICHAEL HOFFMAN ALLA NATION OF ISLAM Jonathan Greenblatt, presidente dell’Anti-Defamation League, ha diffuso quella che sembra essere ...

Read More
Sponsor