Haneen Zoubi smentisce Israele sull’attacco alla Freedom Flottilla

Haneen Zoubi smentisce Israele sull’attacco alla Freedom Flottilla

UN MEMBRO DELLA KNESSET ISRAELIANA RESPINGE IL RESOCONTO DELLA MARINA SULL’ATTACCO[1]

Un membro arabo del parlamento israeliano, che era a bordo della flottiglia internazionale attaccata lunedì mentre cercava di portare aiuti umanitari a Gaza, ha accusato Israele di aver voluto uccidere in modo deliberato i pacifisti per scoraggiare futuri convogli.

Haneen Zoubi ha detto che le navi israeliane hanno circondato la nave ammiraglia della flottiglia, la Mavi Marmara, e hanno aperto il fuoco qualche minuto prima che i commando scendessero con una doppia corda da un elicottero direttamente su di loro.

I passeggeri terrorizzati sono stati cacciati via dal ponte con getti d’acqua. Ella ha detto di non essere a conoscenza di nessun atto di provocazione o resistenza da parte dei passeggeri, che erano tutti disarmati.

Ella ha aggiunto che nel giro di pochi minuti dall’inizio del raid, sono stati portati tre corpi nella sala principale del ponte di coperta dove lei e la maggior parte degli altri passaggeri erano stati rinchiusi. Due avevano ferite da proiettili alla testa, per cui ha pensato che fossero state esecuzioni.

Altri due passeggeri sono morti dissanguati lentamente nella sala dopo che i soldati israeliani avevano ignorato i messaggi in ebraico da lei esternati alla finestra, in cui chiedeva soccorsi medici per salvarli. Ella ha detto di aver visto altri sette passeggeri feriti seriamente.

“Israele ha avuto dei giorni per pianificare quest’operazione militare”, ha detto in una conferenza stampa a Nazareth. “Volevano molti morti per terrorizzarci e per mandare il messaggio che in futuro nessun convoglio dovrà cercare di rompere l’assedio di Gaza”.

Rilasciata martedì dalla polizia, a quanto pare a causa della sua immunità parlamentare, ha detto di voler parlare chiaro mentre la maggior parte delle centinaia degli altri pacifisti sono o detenuti da Israele per essere espulsi o sotto arresto.

Altri tre leader della importante minoranza degli arabi palestinesi di Israele, incluso Sheikh Raed Salah, un leader spirituale, sono stati arrestati quando le loro navi hanno attraccato nel porto meridionale di Ashdot. I legali hanno detto che in base alla legge israeliana essi possono essere detenuti e interrogati fino a 30 giorni senza essere accusati [formalmente].

Contraddicendo le affermazioni degli israeliani, la signora Zoubi ha detto che una ricerca effettuata dai soldati dopo che avevano preso il controllo della Marmara non ha portato alla luce nessun tipo di arma.

È essenziale, ha aggiunto, che il mondo esiga un’indagine indipendente delle Nazioni Unite per scoprire quello che è successo sulla nave, invece di permettere che Israele “sbianchetti” i fatti con una sua indagine militare interna.

La signora Zoubi ha parlato mentre i palestinesi sia all’interno di Israele che nei territori occupati osservavano uno sciopero generale chiesto dai propri leader.

Una dichiarazione del High Follow-up Committee, il principale organo politico dei cittadini palestinesi di Israele, ha descritto il raid sulla flottiglia come “terrorismo di stato”.

Le dimostrazioni e i cortei nella maggior parte delle città e paesi palestinesi d’Israele si sono svolti tranquillamente. Gli analisti locali hanno descritto lo stato d’animo come incollerito ma controllato, se non altro a causa del clima apertamente ostile creato verso i cittadini palestinesi dall’epoca della repressione delle loro proteste durante l’attacco israeliano a Gaza 18 mesi fa.

Tuttavia, si dice che la polizia sia stata messa in stato di particolare allarme, con migliaia di funzionari supplementari inviati al nord, dove vive la maggior parte dei cittadini palestinesi.

Molti palestinesi hanno dimostrato martedì fuori del consolato turco di Gerusalemme Est per mostrare il proprio sostegno ad Ankara, che ha duramente criticato il comportamento israeliano. Si dice che due dimostranti siano stati arrestati dalla polizia.

In Cisgiordania, molti palestinesi hanno osservato il primo dei tre giorni di lutto decretati da Mahmoud Abbas, il presidente palestinese, per l’uccisione dei pacifisti.

Anche prima dell’attacco alla flottiglia, la minoranza palestinese del paese, un quinto della popolazione, era preparata alla reazione violenta del governo e dell’opinione pubblica ebraica per la partecipazione dei suoi leader alla flottiglia. Quando le navi sono salpate, Ynet, il più popolare sito web di news israeliano, ha chiesto se la signora Zoubi è un “deputato al servizio di Hamas”.

Ma di fronte alle gravi conseguenze diplomatiche dell’uccisione dei pacifisti da parte di Israele, i leader palestinesi d’Israele hanno avvertito che nei prossimi giorni saranno probabilmente sottoposti a critiche anche più aspre.

Martedì, i partiti della destra hanno lanciato il loro primo attacco contro la signora Zoubi chiedendo la revoca della sua immunità e la sua espulsione dal parlamento. Danny Danon, membro del partito Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha chiesto che venga “processata per tradimento”.

Nella sua dichiarazione sull’attacco, la signora Zoubi ha detto che alle 4 del mattino di lunedì aveva visto almeno 14 imbarcazioni israeliane circondare la loro nave a 130 chilometri dalla costa, in acque internazionali.

Ella ha detto che i passeggeri sono stati presi dal panico per l’impatto del commando piombato sul ponte. “Non credevo che saremmo sopravvissuti per più di cinque minuti”, ha detto.

Taleb al Sana, un altro deputato arabo, ha sostenuto la tesi della signora Zoubi che le affermazioni israeliane secondo cui i commando hanno sparato solo alle gambe sono false. “Ho visitato i feriti all’ospedale e sono tutti stati feriti alla testa e al corpo”, ha detto.

Adalah, un centro di assistenza legale della minoranza araba d’Israele, ha detto che nove legali hanno avuto martedì pomeriggio un accesso limitato alle centinaia di pacifisti detenuti a Beersheva e che hanno cercato di raccogliere testimonianze in “circostanze ambientali molto difficili”.

I suoi legali e altre associazioni dei diritti umani hanno anche cercato di rintracciare chi era stato ferito e dove erano stati curati.

“La nostra opinione è che Israele stia cercando di proposito di ostacolare questo lavoro e di attuare un blackout informativo”, ha detto Gaby Rubin, una portavoce di Adalah.
[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://weeklyintercept.blogspot.com/2010/06/israeli-knesset-member-rejects-navy.html

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor