Van Pelt su Auschwitz: “per il 99% non abbiamo prove materiali”

Van Pelt su Auschwitz: “per il 99% non abbiamo prove materiali”

Il più celebre esperto di Auschwitz, quello che ricevette ponti d’oro per studiare Auschwitz e confondere i revisionisti, quello che venne citato come testimone n°1 nel processo intentato da David Irving (qui ritratto in un sopralluogo sul sito in questione) a Deborah Lipstadt (e perso da David Irving), Robert Jan van Pelt, propone oggi di abbandonare il campo di Auschwitz perché…, in fin dei conti, non ci sono prove…Naturalmente, egli presenta una tale affermazione non come un abbandono ma come un atteggiamento pieno di rispetto verso i morti…
Ecco cosa si legge, tra l’altro, in data 27 Dicembre 2009, in questo articolo del giornalista Brett Popplewell, del Toronto Star, che l’ha intervistato (traduzione molto rapida):

BISOGNA LASCIARE CHE LA NATURA, AD AUSCHWITZ, RIPRENDA I SUOI DIRITTI[1]

(…)
Domanda: Permettendo alla natura di impadronirsi del sito, non corriamo il rischio di permettere all’umanità di dimenticare quello che è accaduto e di porre le premesse per future contestazioni dell’Olocausto?

Risposta: Per il 99% di ciò che sappiamo non abbiamo in realtà le prove fisiche per dimostrarlo…È diventato parte della conoscenza che abbiamo ereditato. Non penso che l’Olocausto, in tal senso, sia un caso eccezionale. Noi, in futuro – ricordando l’Olocausto – ci regoleremo esattamente come ci regoliamo per la maggior parte degli avvenimenti del passato. Avremo conoscenza di esso dalla letteratura e dalle testimonianze oculari…Riusciamo molto bene a ricordare il passato in questo modo. Ecco come sappiamo che Cesare venne ucciso nelle Idi di Marzo. Mettere l’Olocausto in una categoria a parte e chiedere che rimanga lì – chiedere di avere più prove materiali – equivarrebbe da parte nostra a una sorta di cedimento nei confronti dei negazionisti fornendo delle prove speciali.
(…)
[1] http://www.thestar.com/printarticle/742965

6 Comments
  1. Calcolando ,visto che calcolano da 64 anni,se hanno l'1% di "certezze"…

    1:100= X:6.000.000
    X= 6.000.000/100
    = 60.000

    Mi vien da ridere!

    Rispondi
  2. ma siamo sicuri Giulio Cesare si sia beccato ventitré coltellate?

    Rispondi
    • Anonimo
    • 7 Febbraio 2010

    Ho frequentato il liceo classico,traducevo testi greci e latini che nei secoli da brandelli di papiro o cartapecora diventavano volumi,un frammento che si autogenerava.Persino Michel Onfray filosofo francese lamenta che le notizie pervenuteci dei vari filosofi greci sono riportati da coloro che li osteggiavano,per non parlare dei vari flavio giuseppe che scriveva della vita di personaggi storici dopo 200 anni,capitooooooo!!!!!! 200 ANNI.
    Alla stregua di blair che inizia una guerra perche' pensava che saddam avesse le armi di distrazione di massa.
    Siamo messi bene.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 8 Febbraio 2010

    Se a quanto afferma uno dei più prestigiosi storici ufficialisti, si ha prova soltanto dell'1%del cosiddetto olocausto; di che cosa sono pieni i vari musei dell'olocausto che sorgono in varie parti del mondo?

    Rispondi
    • Anonimo
    • 8 Febbraio 2010

    Non dimentichiamo che agli inizi del processo di Norimberga si parlava di dieci milioni di vittime ebree, per convenire solo in seguito sui "sei milioni".

    Rispondi
    • Anonimo
    • 8 Febbraio 2010

    Nei musei non c'e' niente,solo foto,foto,foto e ancora foto.
    I nomi delle vittime si ripetono uguali per tutti i musei,italiani,tedeschi e francesi basta pronunciarli nelle lingua del posto.
    Sono morti piu' di 70 milioni di persone ma se ne ricordano solo 6.. proprio quelli per cui e' iniziata la guerra,
    Solo gli eletti.

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor