La “Repubblica” del delirio

La “Repubblica” del delirio

LAREPUBBLICADEL DELIRIO O I TEPPISTI DELLA DISINFORMAZIONE

Di Carlo Mattogno

Nel numero del 29 gennaio 2010 La Repubblica di Milano ha pubblicato un articolo di un tale Davide Romano intitolato “Quasi sconfitti i teppisti della storia”. L’articolo è stato ripreso dall’autore nel suo blog[1] e, data la sua brevità, vale la pena di riproporlo integralmente:

«Quest’anno il Giorno della Memoria lo vivrò con serenità. Se non rappresentasse la celebrazione di un avvenimento così grave, avrei addirittura scritto che sto per affrontarlo con il sorriso. Spero sarete in tanti a fare come me. Personalmente infatti, credo che la battaglia culturale per affermare la verità sulla Shoah sia arrivata ad un punto soddisfacente. Sì, lo so, bisogna sempre dire – ed è giusto farlo – che c’è ancora tanto da fare, che c’è ancora molta ignoranza, e che i gruppi negazionisti sono ancora combattivi. Tutto vero, ma mi pare anche giusto riconoscere che stiamo vincendo.
Almeno in occidente – poiché da alcune dittature mediorientali spira una pessima aria – il cinema, la televisione e la carta stampata sono tutti schierati dalla parte della verità storica. E’ insomma lecito, anzi doveroso, dire che i teppisti della storia stanno perdendo il confronto. I loro tentativi pseudostorici di cancellare l’uccisione di sei milioni di ebrei sono stati vani. Si erano illusi, dopo la sconfitta militare del nazi-fascismo, di potersi giocare una rivincita nel dibattito storico provando nelle maniere più assurde ad imbrogliare le carte. Anche questo tentativo è gli andato male. A parte singoli personaggi palesemente squilibrati, non esiste storico che prenda in considerazione le loro deliranti bugie. Non esiste testo scolastico che riporti le loro tesi, peraltro unanimemente condannate nel dibattito pubblico, tanto da fare notizia solo per la loro insensatezza.
In questi giorni in tutta Italia vengono organizzate manifestazioni per ricordare la Shoah, e a Milano in particolare, le numerose e commoventi iniziative della società civile testimoniano una città che ha memoria e attenzione; non solo per la comunità ebraica, ma soprattutto per se stessa, per la propria storia, per quello che è stato e non deve più accadere. So che di fronte a quanto ho appena scritto qualcuno storcerà il naso, temendo un effetto di “rilassamento”. Credo invece sia vero il contrario, la vittoria ci deve caricare: affermare che stiamo vincendo la guerra culturale contro il negazionismo nazistoide vuole dire che tutto il lavoro fatto sino ad ora sta funzionando. Significa dire che i molti sforzi e le tante fatiche fatte per perpetrare la memoria non sono state inutili. Solo se riconosciamo di aver vinto questa battaglia – che non è la guerra – possiamo onorare l’impegno di tante personalità della politica, della cultura e del mondo del lavoro. Dichiarare che stiamo vincendo la guerra al negazionismo significa anche rendere merito ai tanti sconosciuti che nel completo anonimato – senza l’ambito premio dell’intervista televisiva o comunque della celebrità – si muovono da decenni sul territorio, nel loro piccolo, come formiche operaie della memoria. Soprattutto a costoro va tutta la nostra riconoscenza, e sempre a loro dedichiamo questa vittoria della verità contro la menzogna».

L’argomento è davvero impressionante: la fulgida vittoria sul revisionismo è dimostrata dal fatto che tutti gli antirevisionisti ne parlano male! E non perché sappiano qualcosa di esso, ma perché questa è la parola d’ordine che hanno ricevuto. Ma crearsi un “nemico” e dipingerlo secondo i propri insani vagheggiamenti, a spregio della realtà, non è una “vittoria”, è delirio.
E, di grazia, in Italia chi avrebbe conseguito questa gloriosa “vittoria”? Valentina Pisanty? Francesco Rotondi? O altri polemisti usa-e-getta di tal fatta che, assolto il loro compito, sono scomparsi immediatamente dalla scena, ma non prima di aver ricevuto il giusto carico di legnate storico-critiche?[2]. Oppure Marcello Pezzetti, l’uomo che è stato “più di cento volte ad Auschwitz”? (Ma che c’è andato a fare? A cercare asparagi nel bosco di Birkenau?).
È veramente grottesco che, nel Paese in cui si sproloquia di più di Olocausto e di revisionismo, non esista un solo specialista degno di questo nome, che regga il confronto con i pur mediocri colleghi europei. Vuoto assoluto. Superficialità e ignoranza dilaganti. Unica eccezione: Valentina Pisanty, che, essendo esperta in favole (con specializzazione in Cappuccetto Rosso), di Olocausto se ne intende davvero!
Ciò che questi shammashim (chiedano il significato del termine ai loro padroni) stanno vincendo, non è la «battaglia culturale», ma quella giudiziaria, imprigionando e multando a destra e a manca per delitto di “leso Olocausto”.
Questa vittoria giudiziaria si traduce però in una piena sconfitta culturale: essendo impotenti su questo piano, i ringhiosi apostoli dell’olocaustismo reclamano con tanta più foga l’intervento di leggi liberticide: bisogna proibire legalmente ciò che non si riesce a confutare storicamente. Davvero una bella vittoria.
In tema di “Giornata della Memoria”, ricordo a tutti gli smemorati i miei studi principali su Auschwitz:
Auschwitz: la prima gasazione. Edizioni di Ar, Padova, 1992, 190 pp.
Auschwitz: Crematorium I and the Alleged Homicidal Gassing. Theses & Dissertations Press, Chicago, 2005. 138 pp.
The Bunkers of Auschwitz. Black Propaganda versus History. Theses & Dissertations Press, Chicago, 2004. 264 pp.
Sonderbehandlungad Auschwitz. Genesi e significato. Edizioni di Ar, Padova, 2001. 188 pp.
Auschwitz: Open Air Incinerations. Theses & Dissertations Press, Chicago, 2005. 131 pp.
Auschwitz: 27 gennaio 194527 gennaio 2005: sessant’anni di propaganda. I Quaderni di Auschwitz, 5. Effepi, Genova, 2005. 60 pp.
LaZentralbauleitung der WaffenSS und Polizei Auschwitz”. Edizioni di Ar, Padova, 1998. 221 pp.
Sono oltre 1.900 pagine, che superano le 2.600 con quelle dell’opera menzionata sotto.
E un’altra, non meno solida, è in arrivo.
Che cosa possono confutare questi poveri derelitti? Nelle prime tre opere elencate sopra ho trattato in 750 pagine olo-argomenti che il massimo esperto mondiale, lo storico del Museo di Auschwitz Franciszk Piper, nello studio più approfondito che esista su di essi, ha sviscerato in 33 pagine![3]
La quarta analizza in 188 pagine ciò che gli storici olocaustici più competenti liquidano in un paio di righe (ma F. Piper in ben tre)[4]. La quinta espone in 131 pagine il tema che F. Piper, superandosi, ha vagliato in ben 12 righe![5]
E se questi sono i loro esperti, a chi si rivolgeranno per confutare i libri sopra elencati? A Babbo Natale? Meglio introdurre il delitto di “leso Olocausto”!

Agli olo-sproloquiatori di casa nostra, che non sanno neppure com’è fatto un archivio e non hanno mai visto un documento tedesco originale, rinnovo l’ invito:
Il mio studio di oltre 700 pagine Le camere a gas di Auschwitz. Studio storicotecnico sugliindizi criminalidi JeanClaude Pressac e sullaconvergenza di provedi Robert Jan van Pelt. (Effepi, Genova, 2009), fresco frutto della mia “sconfitta” culturale, è a disposizione di tutti. Se è pseudostorico, se imbroglia le carte, se contiene deliranti bugie, se è insensato, DIMOSTRATELO. Se avete ragione, sarà semplicissimo sbugiardarmi pubblicamente, in più otterrete anche la vostra “vittoria” definitiva. Ma se non lo fate, dimostrerete, altrettanto pubblicamente, di essere soltanto degli EMERITI BUFFONI.

Dopo
LaRepubblicadella disinformazione,
http://civiumlibertas.blogspot.com/2009/02/carlo-mattogno-la-repubblica-della.html
dopo
LaRepubblicadel linciaggio
https://www.andreacarancini.it/2009/10/la-repubblica-del-linciaggio/
ci mancava LaRepubblicadel delirio.

Carlo Mattogno

4 febbraio 2010
[1] http://blog.libero.it/DavideRomano/8336368.html
[2] Si vedano al riguardo i miei scritti L’irritante questionedelle camere a gas ovvero da Cappuccetto Rosso adAuschwitz. Risposta a Valentina Pisanty. Edizione riveduta, corretta e aggiornata, 2009:
http://civiumlibertas.blogspot.com/2007/11/slomo-in-grande-emozione-con-veltroni-e.html
Ritorno dalla luna di miele ad Auschwitz. Risposte ai veri dilettanti e ai finti specialisti dell’anti-“negazionismo”. Con la replica alla “Risposta a Carlo Mattognodi Francesco Rotondi, 2007,
http://www.aaargh.com.mx/fran/livres7/CMluna.pdf
[3] F. Piper, «Die Vernichtungsmethoden», in: W. Długoborski e F. Piper (a cura di), Auschwitz 1940-1945. Studien zur Geschichte des Konzentrations- und Vernichtungslagers Auschwitz. Verlag des Staatlichen Museums Auschwitz-Birkenau. Oświęcim, 1999, vol. III, pp. 137-169.
[4] Idem, p. 123.
[5] Idem, p. 165 (10 righe), p. 169 (1 riga), p. 183 (1 riga).

7 Comments
    • Anonimo
    • 4 Febbraio 2010

    Ma di quale vittoria va cianciando il giornalista di Repubblica?
    Chi appena fosse ragguagliato da qualche lettura dae fronte revisionista sa che il dibattito storico non esiste.
    I revisionisti vengono ostacolati in tutti i modi. Mai, mai un confronto in una pubblica conferenza sul tema dell'locausto! Ci avete fatto caso? Quando qualche mese fa a Termoli, la LOCALE UNIVERSITà PROMOSSE UNA CONFERENZA PUBBLICA INVITANDO UNO DEI MAGGIORI STUDIOSI REVISIONISTI-ROBERT FAURISSON- SI MOBILLITO'LA COMUNITà EBRAICA DI ROMA E CON I SUOI FACINONOSI IMPEDI' LO SVOLGERSI DELLA CONFERENZA, FINANCHE IN AMBIENTE PRIVATO.
    Ecco come ottengono le vittorie sul revisionismo.
    Bella forza, argomenti invincibili davvero.
    La verità storica non teme di confrontarsi nel dibattito tra storici.
    Ma gli storici " ufficialisti" dove sono? Perchè si sottraggono al serio dibattito con Mattogno?
    A mio parere la risposta è una soltanto: hanno paura del confronto perchè non hanno di che argomentare, meglio che ad occuparsi della questione siano i tribunali inquisitori.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 4 Febbraio 2010

    Io sono dell'idea che prima di andare a raschiare nei forni crematori e' piu' opportuno spiegare al pubblico perche' e' avvenuta la persecuzione degli ebrei,se mai e' avvenuta.Perche' far passare da folle Hitler e' facile,lo si dipinge come un mostro,ma se si spiega che per difendere una nazione dagli attacchi esterni bisogna controllare ed allontanare coloro che collaborano con i nemici,chiunque comprenderebbe perche' si vuol nascondere la verita'.
    Basta dire che se oggi l'italia volesse uscire dall'euro o nazionalizzare la fiat e bankitalia,i suoi oppositori all'esterno e i collaborazionisti all'interno la trascinerebbero alla rovina. Basta fare l'esempio dei crolli di borsa manovrati per ridurre alla ragione un governo recalcitrante.
    Qui,Caro Mattogno,si deve parlare piu' di economia che di campi,e' quella il motore di tutte le guerre,e' per i soldi che nessuna mente italica si ribella.Rimango dell'idea che l'avidita' dei non-ebrei e' la negazione della verita'.

    Rispondi
  1. …"tanti sconosciuti che nel completo anonimato – senza l’ambito premio dell’intervista televisiva o comunque della celebrità – si muovono da decenni sul territorio, nel loro piccolo, come formiche operaie della memoria"…

    Li vediamo in azione di disinformazione ,disturbo,delazione ogni giorno sui blog,forum che loro odiano…quindi antisemiti!

    Rispondi
  2. Non Termoli ma Teramo.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 5 Febbraio 2010

    @ Franziska: ricordo noam chomsky che scrisse che solo lui poteva dire la verita' perche' aveva la protezione della sua appartenenza ad una elite che conta. Rifletti,solo loro hanno pubblicato libri e non stanno in galera.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 6 Febbraio 2010

    In merito al commento dell'Anonimo del giorno 04 febbraio 2010 ore 15.47, credo sia ovvio che la demonizzazione del Fascismo e del Nazismo serva proprio ad occultare le politiche rivoluzionarie anticapitaliste dei due regimi. Chi ha mai sentito demonizzare la politica economica o bancaria o quella sociale o quella agricola o la politica sanitaria o la politica dell'istruzione del III Reich? Ma come fare per squalificare "a priori" qualsiasi iniziativa del Reich? Facile..! Ha sterminato sei milioni di ebrei, vuoi forse prendere ad esempio qualcosa da quei mostri che hanno sterminato sei milioni di ebrei? Anche se, in verità, perseguitare il fornaio del ghetto di Lipsia o l'orologiaio di Portico d'Ottavia a Roma perché ebreo è come perseguitare il sarto italiano di Lubecca perché italiano… Quanti ebrei in Italia e anche in Germania simpatizzavano o perfino militavano nei regimi fascista e nazionalsocialista? Ma questo è un altro discorso.
    Furio Bassanelli

    Rispondi
  3. Ma quali conferenze che i revisionisti dell'olocausto appena parlano ecco che arrivano le guardie del moloch sionista a vietare e disturbare…perchè non si confronta con Mattogno, Fourisson, perchè non va a trovare Ernst Zundel in carcere e chiede un colloquio con il professore?

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor