L’Ungheria respinge la messa al bando del revisionismo

L’Ungheria respinge la messa al bando del revisionismo

Buona notizia per i revisionisti: apprendiamo oggi sul sito della JTA (Jewish Telegraphic Agency: http://jta.org/news/article/2009/07/01/1006256/hungarian-lawmakers-reject-anti-holocaust-denial-law ) che i deputati ungheresi hanno rifiutato lunedì 29 Giugno di votare gli emendamenti alla costituzione che avrebbero permesso di rendere reato la “negazione dell’Olocausto”. Ecco il testo dell’articolo:

BUDAPEST (JTA) – I deputati ungheresi hanno respinto gli emendamenti costituzionali per rendere la negazione dell’Olocausto un reato punibile.

Alcuni leader locali della comunità ebraica credono che il voto di lunedì abbia assicurato la prima vittoria parlamentare per Jobbik, un movimento neonazista locale in rapida crescita largamente pronosticato per la conquista di numerosi seggi alle elezioni nazionali che si terranno entro l’anno.

Le proposte, avanzate dal governo-ponte socialista in carica, hanno riscosso poco meno della metà dei voti necessari per adottare un emendamento costituzionale.

Il partito di opposizione populista e ultra-conservatore Fidesz ha respinto le proposte, insieme ai liberaldemocratici, che a suo tempo erano alleati con i socialisti.

L’Associazione delle Comunità Religiose Ebraiche Ungheresi, o Mazsihisz – la più grande organizzazione ebraica del paese – non ha rilasciato commenti ufficiali. Tuttavia, un commento pubblicato sul suo sito web da Tamas Palmai, un intellettuale che scrive a titolo personale, ha detto che molti credono che Fidesz abbia rifiutato le riforme per paura di provocare l’ira di Jobbik.

Il negazionismo dell’Olocausto è fuori legge in molti paesi che, come l’Ungheria, furono occupati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Il tentativo del governo ungherese di introdurre la legge che poi è stata respinta era stato fatto in risposta alle provocazioni dei neonazisti al Castello di Buda, che avevano guastato il Giorno della Memoria dell’Olocausto.

7 Comments
    • Anonimo
    • 2 Luglio 2009

    finalmente qualcuno sembra rinsavire …

    almeno in Ungheria non si potrà essere arrestati per osare di pensare, overo credere di poter pensare, come avviene in tanti, troppi, paesi euro-pusillanimi.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 4 Luglio 2009

    ottima notizia !

    Daltanius

    Rispondi
    • Andrea
    • 6 Luglio 2009

    Via libera alle menzogne di questi neo nazistelli che non hanno nemmeno le palle per dichiararsi tali, a differenza dei loro colleghi di infausta memoria

    Rispondi
  1. levi primo:

    1)partigiano combattente,catturato.
    2)ebreo
    3)inabile al lavoro
    4)ammalato
    5)ricoverato 2 volte in ospedale

    Tutte caratteristiche tipiche di chi DOVEVA essere gasato.
    LUI non venne gasato.
    (Neppure wiesenthal simon ,neppure frank anna, neppure frank margot)

    Cosa lo ha salvato?
    …collaborava?
    Oppure…NON era prevista alcuna gasazione ?

    Rispondi
    • Anonimo
    • 6 Luglio 2009

    al solito "Andrea"

    e allora daremo via libera alle menzogne, ridicole fra l'altro, della c.d. "shoah"?

    perchè poi chi non vuole farsi prendere in giro, dovrebbe essere un nazistello? vogliamo dare solo a loro la patente di intelligenti?

    io non sono un nazistello, ma penso con la mia testa, e reclamo il diritto di essere INFORMATO, senza CENSURE, senza LEGGI REPRESSIVE, senza la MAFIA DEI MEDIA!

    infatti, se sono menzogne (gli studi dei revisionisti) perchè preoccuparsi tanto? fateli parlare, e ognuno liberamente li valuterà! o no?

    P.S. alla Ambasciata Israeliana e/o ai suoi accoliti in Italia: perchè continuate a inserire dei post fasulli, sperando di portare fuori strada i lettori?
    tanto zelo per la verità da parte di chi nasconde i crimini contro l'umanità e il genocidio dei Palestinesi a Gaza? … ma mi faccia il piacere …

    Rispondi
  2. OT
    Mi si passi questo OT riferito alla ulteriore confutazione delle oloballe sterminazioniste ,appena pubblicata , vista l'importanza del tema “Revisionismo Storico” trattato da Carlo Mattogno .

    Riceviamo da : http://revisionismo.splinder.com/
    e pubblichiamo immediatamente

    A) Carlo Mattogno: LE ULTERIORI CONTROVERSIE OLOCAUSTICHE DI ROBERTO MUEHLENKAMP (parte I)
    Al seguente link la prima parte:
    http://revisionismo.splinder.com/post/20951185/LE+ULTERIO

    B) Carlo Mattogno: LE ULTERIORI CONTROVERSIE OLOCAUSTICHE DI ROBERTO MUEHLENKAMP (parte II)
    Al seguente link la seconda parte:
    http://revisionismo.splinder.com/post/20951306/LE+ULTERIO
    Grazie.
    WaA359 ( Webmaster http://olo-dogma.myblog.it/ )

    Rispondi
    • Anonimo
    • 23 Luglio 2009

    Carancini, quando rientri dalle ferie?

    non lasciarci orfani di notizie sulle olo-balle, proprio ora che ne arrivano anche di buone!

    ok, a presto…

    P.S. altrimenti il PressAgent USraeliano "ANDREA" come fa a piazzare le sue consuete provocazioni???

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor