La sparatoria al Museo dell’Olocausto: zimbelli, coincidenze e processi alchemici

La sparatoria al Museo dell’Olocausto: zimbelli, coincidenze e processi alchemici

IL PAZZO SOLITARIO CHE ENTRA IN SCENA ALMUSEO DELL’OLOCAUSTO” – QUALE COINCIDENZA!

Di Michael Hoffman[1]

Oggi un altro “pazzo solitario” ha cambiato il corso della storia. Come il “pazzo solitario” James Earl Ray e il “pazzo solitario” Shiran Shiran, come i “pazzi solitari” Arthur Bremer e Ted Kaczynski, ora James von Brunn entra nei ranghi della hit parade della Criptocrazia. Quale “coincidenza”!

Con la sua sparatoria al Museo dell’Olocausto degli Stati Uniti, von Brunn ha ravvivato la vecchia coalizione tra ebrei e neri del Ventesimo secolo, nello stesso giorno in cui il Procuratore Generale afroamericano Eric Holder era atteso al Museo per ascoltare una lettura del copione di “Anne e Emmett”, un dramma su Anna Frank e Emmett Till. Quale “coincidenza”!

L’autore di “Anne e Emmett” è Janet Langhart Cohen, la moglie nera dell’ex Ministro della Difesa William Cohen, che nel 1999 partecipò al comando dei militari americani nell’olocausto perpetrato dalla Nato contro le chiese, i monasteri e la popolazione della Serbia cristiana. Quale “coincidenza”!

Von Brunn si è ritagliato un ruolo anche nella profezia auto-realizzante del mito dell’Olocausto, ricostruendola in miniatura. In tal modo entrerà a far parte del canone – enunciato dal Museo – dei goyim malvagi che non possono esimersi dall’attaccare i simboli della cultura e dell’innocenza giudaiche. Ha vittimizzato le vittime sempiterne, facendo quadrare la visione che hanno di sé stesse come persone perpetuamente odiate e perennemente perseguitate. Quale “coincidenza”!

La religione del giudaismo ortodosso è concepita in modo tale da capitalizzare e trarre beneficio da ogni attacco violento contro di essa o contro i suoi seguaci. Se non c’è una tale violenza da parte degli estranei, gli attacchi talvolta vengono orchestrati dall’interno.

Durante il regime del Presidente repubblicano George W. Bush, “la minaccia dell’estrema destra” era stata messa nell’ombra dalla Criptocrazia. C’era bisogno di golem di pelle bianca che fungessero da crociati per costituire e sostenere i ranghi della guerra in Afghanistan contro i musulmani, e della guerra in Iraq contro gli arabi. Con questi obbiettivi pienamente raggiunti, e con un democratico di pelle nera alla Casa Bianca, quelli che comandano sembrano aver deciso di riesumare la “minaccia dell’estrema destra” e di riportarla al ruolo di spauracchio che aveva durante il regime di Bill Clinton, quando l’attentato di Oklahoma City venne presuntamente preparato da una coppia di pazzi solitari, ma che ricercatori come David Hoffman (nessuna relazione col sottoscritto) hanno attribuito a un complotto profondamente legato allo stesso governo americano – inclusi gruppi di copertura governativi come “Aryan Nations” e “Aryan Republican Army”.

Poiché gli americani portano il peso, una generazione dopo l’altra, di media imbeccati dal governo, la mossa del pazzo solitario rimane sempre efficace su coloro che per le notizie dipendono da giornalisti confidenti e da mezzibusti che ripetono come vangelo qualsiasi cosa la burocrazia dichiari sullo sparatore.

Poi, qualche anno dopo, quando i giochi ormai sono fatti, il vero complotto di solito è pronto per la fruizione pubblica. Ad esempio, vi sono pochi opinionisti indipendenti oggi che credono che McVeigh e il suo aiutante abbiano distrutto da soli l’edificio federale intitolato ad Alfred Murrah, o che Ray abbia ucciso Martin Luther King, o che Kaczynski non fosse uno zimbello come Lee Harvey Oswald.

Per ora, tuttavia, il fornello del processo alchemico è in ebollizione, poiché il lavoro preparatorio di criminalizzazione del “negazionismo” è stato ben avviato, e ai sommi sacerdoti dell’Olocaustianità sono state rinnovate promesse solenni di obbedienza assoluta da parte della classe dirigente e dell’elite che modella l’opinione pubblica americana. Mentre il copione infittisce la propria trama, l’idolatria isterica per tutto ciò che è giudaico, rabbinico e israeliano raggiunge altezze vertiginose di servilismo.

I 400 bambini uccisi gli scorsi Dicembre e Gennaio a Gaza dai discendenti dei “Sopravvissuti dell’Olocausto” sono stati scaricati nella spazzatura della storia. Non c’è mai stata né mai ci sarà, nella sinagoga mascherata da “Museo dell’Olocausto degli Stati Uniti”, una mostra dedicata agli orrori dell’olocausto israeliano contro i palestinesi; ma non passerà molto tempo prima che l’immagine emblematica di un poliziotto nero morto per difendere il più venerato santuario giudaico d’America si guadagnerà lì una testimonianza permanente.

I nostri capi governano con metodi che respingono ogni documento e zittiscono ogni argomento: con l’assassinio, la segretezza, il tradimento, il doppio gioco e, soprattutto, inculcando la doppiezza. Alla resa dei conti, la quadratura arriva per gentile concessione di un “pazzo solitario” che emerge dall’ombra per togliere alla Criptocrazia le castagne dal fuoco, o assicurarle la vittoria dove avrebbe altrimenti subìto un declino. Quale “coincidenza”!

La stella a sei punte di James von Brunn avrà un posto assicurato nel firmamento dei pazzi solitari della Criptocrazia.

[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://revisionistreview.blogspot.com/2009/06/now-playing-at-holocaust-museum-lone.html

11 Comments
    • Andrea
    • 11 Giugno 2009

    "goyim malvagi che non possono esimersi dall’attaccare i simboli della cultura e dell’innocenza giudaiche": perchè non dici la verità, e ammetti che in realtà della shoà non te ne frega niente, e vuoi solo dare basi oggettive al tuo ANTISEMITISMO???????????

    Rispondi
    • Andrea
    • 11 Giugno 2009

    James von Brunn, classe 1920, figlio di immigrati austriaci, è un veterano della Seconda Guerra Mondiale che negli ultimi anni si è dedicato a diffondere odio contro gli ebrei e gli afroamericani, come testimonia anche il sito Internet che porta il suo nome. Ha scritto libri antisemiti come «Uccidi i migliori gentili» e «Il peggiore errore di Hitler». Ha anche la fedina penale sporca avendo scontato 6 anni e mezzo di detenzione in un penitenziario per aver tentato di rapire dei membri della Federal Reserve. Von Brunn attribuisce quella sentenza ad una «giuria composta di ebrei e negri» e, sul proprio sito, si definisce un seguace del movimento per la costruzione dell’«Impero Sacro d’Occidente» destinato a riscattare «i gentili» dall’«oppressione giudaica».

    Rispondi
    • Anonimo
    • 11 Giugno 2009

    perchè non ammetti tu, che della shoa non te ne frega niente (tanto sai che era ben poca cosa…) ma vuoi solo dare basi solide alla volontà di dominio di USraele?

    Hanno, avete, tutto … armi nucleari e chimiche di distruzione di massa, la fabbrica del denaro (Federal Reserve, quella che manda in giro due impiegati con 180.000 miliardi (in lire) dei suoi dollaroni in valigetta) e di conseguenza Banche d'affari, Multinazionali, i Mass Media, i Servizi Segreti più spietati (CIA e Mossad), frotte di utili idioti prezzolati in tutti i governi nel mondo … e il sostegno del Principe del Mondo …

    ma nonostante tutto, sono certo, NON PREVARRANNO!

    Rispondi
    • Eresiarca
    • 11 Giugno 2009

    Perché, cari giudeofili, invece di strillare sempre all'antisemitismo, non apportate qualche razionale spiegazione del perché, in tutti i tempi e in tutte le epoche, gli ebrei sono stati oggetto di scarsa simpatia?

    Rispondi
  1. Ipotizziamo di dover trovare un luogo,nel mondo, dove costruire lo stato ebraico.

    Esiste una popolazione che liberamente spartirebbe il proprio suolo nazionale con l'ebreo?

    Rispondi
    • Andrea
    • 11 Giugno 2009

    "avete, tutto … armi nucleari e chimiche di distruzione di massa, la fabbrica del denaro": non me ne ero accorto, fino ad oggi pensavo di avere un semplice lavoro precario, un appartamentino in affitto e pochi risparmi da parte.
    Grazie per la bella notizia, magari domani tiro una bomba nucleare sul mio vicino che fa chiasso fino a tardi 😉

    Rispondi
    • Anonimo
    • 12 Giugno 2009

    "Ipotizziamo di dover trovare un luogo,nel mondo, dove costruire lo stato ebraico.
    Esiste una popolazione che liberamente spartirebbe il proprio suolo nazionale con l'ebreo?"

    Mi dispiace per te ma quel luogo già esiste.
    Sono i neonazisti che sono trattati come appestati e schifati da tutti. Non ti risulta?

    Rispondi
    • Anonimo
    • 13 Giugno 2009

    mah! secondo me stai esagerando.
    con la crisi in usa hanno trovato il modo di risolvere il problema delle pensioni!

    Rispondi
    • Anonimo
    • 13 Giugno 2009

    un vecchio 89nne che ha trovato il modo di dare un senso agli ultimi e inutili attimi della sua vita.

    Rispondi
    • Anonimo
    • 16 Giugno 2009

    Da 4 mesi era in atto una operazione di monitoraggio e successiva delazione condotta da un gruppo denominatosi « Contro i siti antisemiti in Italia – Da diffondere», allestito dall’agenzia sionista «In difesa di Israele», attiva nella sistematica diffamazione di ogni voce critica verso l'entità sionista di Palestina .
    Tale iniziativa sembra sospesa,almeno ufficialmente, ma ormai la rete è stata attivata e nulla dice che non continui la sua opera di SCHEDATURA delle voci politicamente scorrette,tipiche quelle dei REVISIONISTI.
    Oggi è in atto, su vari siti – blog, revisionisti, una massiccia presenza di agenti provocatori che giornalmente,più volte al giorno, cercano di distrarre e deviare l'attenzione dei lettori.
    Dopo l'utilizzo di semiologi , cardiologi come mezzo di “contrasto” alla diffusione delle tesi revisioniste , tali semi-dilettanti allo sbaraglio sono stati sostituiti ed ora viene utilizzata la “carne da macello” comune ( o meno) .

    Rispondi
    • Anonimo
    • 24 Giugno 2009

    Tanti altri ulteriori dettagli e dubbi su tutta la vicenda a questo link:

    http://www.stormfront.org/forum/showthread.php?t=609131

    Molti i punti poco chiari, gli elementi sospetti e le contraddizioni per non essere almeno lecito il dubbio che la storia non sia esattamente come viene raccontata …

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor