Guido Salvini: Buone notizie dalla magistratura

Dal giudice Guido Salvini ricevo e volentieri pubblico:

BUONE NOTIZIE DALLA MAGISTRATURA

Finalmente una buona notizia.  La Procura Generale presso la Corte di Cassazione, che è titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati, ha “depenalizzato” con una sua direttiva le raccomandazioni ed il traffico di influenze all’interno della magistratura.

Non saranno punibili, le autopromozioni e la ricerca dei vantaggi contattando Consiglieri del CSM o esponenti dell’Associazione Nazionale Magistrati quando si concorra per un posto purché non si denigrino gli altri candidati e non si promettano vantaggi elettorali.

In pratica comportamenti che, se commessi da un politico o da un amministratore per un concorso pubblico o un appalto, spesso non portano neanche ad un procedimento disciplinare ma direttamente al registro degli indagati.

Anch’io voglio approfittarne subito, partendo per ora dal basso. C’è il concorso per diventare uno dei responsabili del settore informatico del Tribunale, non un granché ma qualcosa che serve per iniziare un cursus honorum che promette incarichi più prestigiosi.

Anche se di informatica capisco poco telefonerò o cercherò di incontrare un autorevole esponente di corrente a Milano affinchè influisca in mio favore sulla Commissione. Gli farò capire che ho votato e voterò sempre, questo è implicito, per la sua corrente e i suoi amici e che comunque resterò a disposizione.  Per quanto riguarda gli altri candidati non li denigrerò, gli ricorderò solamente che non sono dei nostri. Di quello che starò facendo non avrò niente di cui preoccuparmi perché sarà deontologicamente del tutto lecito.

Un primo passo, poi si vedrà. Magari, dandomi un po’ da fare, diventerò Presidente di qualche Tribunale.

Ovviamente questo è uno scenario ironico e un po’ provocatorio come la famosa proposta di Jonathan Swift di nutrirsi dei bambini poveri per ridurre il problema della povertà.

Nella sostanza i vertici della magistratura sembrano cercare una strada per autoassolvere la categoria nel suo complesso ed evitare che troppo marcio venga a galla. Anche senza attribuire alla direttiva intenzioni maligne gli sviluppi più probabili sembrano questi.

Giudicare in fretta Palamara e mandarlo da solo al rogo entro il 20 ottobre sfruttando una coincidenza fortunata, l’impuntatura di Piercamillo Davigo che a quella data avrà raggiunto il limite dei 70 anni a restare al CSM e alla Sezione disciplinare. Con questa giustificazione, finire subito per disinnescare il problema Davigo, si spiega meglio il “taglio” di quasi tutti i testimoni richiesti dall’incolpato, tra cui alti magistrati e politici. Sarebbe stato del resto imbarazzante chiedere loro di spiegare pubblicamente gli assidui contatti con Palamara per ottenere favori per sé o per altri e per “combinare” le decisioni del CSM sugli incarichi e sarebbe stato difficile a quel punto continuare a sostenere che l’albero della magistratura è sano se ha centinaia di mele marce.

E’ vero che il procedimento disciplinare in corso nei confronti di Palamara riguarda solo la notte dell’Hotel Champagne e quindi potrebbe concludersi con pochi testimoni Ma questo deriva dal fatto che non è mai stata formulata un’incolpazione generale sui traffici correntizi, a quanto sembra in larga parte “depenalizzati”, che avevano come collante Palamara e che portavano a nomine decise, questo è il punto, al di fuori delle Commissioni di concorso sulla base dei rapporti di forza e dei reciproci favori. Un procedimento disciplinare ad ampio raggio in cui sarebbe stato inevitabile far venire alla luce tutto con centinaia di testimoni, con il rischio anche di chiamare in causa qualcuno dei Consiglieri che sedevano o anche siedono all’attuale CSM o quelli delle consiliature precedenti. Un processo che però non ci sarà mai perché Palamara con ogni probabilità fra pochi giorni sarà espulso dalla magistratura e uscirà dall’ordine giudiziario con il sollievo di tutti. Questa è la volontà di far pulizia che è mancata.

Tutti coloro che compaiano nelle intercettazioni di Palamara quindi non saranno chiamati a testimoniare e molto probabilmente, visto il messaggio della Procura Generale, nei loro confronti non sarà nemmeno iniziata l’azione disciplinare o vi saranno processi a singoli frammenti di questa vicenda che non interesseranno più a nessuno. Con la probabile conseguenza che grazie all’impunità i favori e i traffici continueranno appena con un po’ più di cautela rispetto a prima.

Quindi Palamara con pochissimi altri resterà il reprobo colpevole di tutto, un singolo travolto dalla sua personale hybris, quasi un delirio, che lo ha portato a vivere – non c’è in realtà molto da invidiarlo- tutto il giorno al telefono cellulare ad ascoltare e rassicurare i suoi clientes. In realtà non è affatto così o solo così perché l’ex presidente dell’ANM non ha inventato nulla, ma ha utilizzato, magari migliorandolo con la sua efficienza, un sistema collaudato da molto tempo e che aveva centinaia di corresponsabili e di beneficiari nella magistratura, in basso e in alto, soprattutto Procuratori o aspiranti tali anche prestigiosi. Un sistema che tutti conoscevano sin dai primi passi in magistratura.

Quanto alla riforma del CSM probabilmente, travolta dalle mille emergenze della politica italiana, finirà presto, anche grazie alla via di uscita che ho descritto, nel dimenticatoio, riposta anche per questa legislatura nell’armadio delle scope.

Sembra proprio che finirà così. Lo sapevamo tutti.

Guido Salvini

 

 

One Comment
  1. SULLA PIATTAFORMA ILFILODELMAGISTRATO.IT ” Esimio dott. Sansonetti, mancano due o tre passaggi essenziali, e poi scrivere che tutto è perso a che ed a chi serve ?!” articolo che si lega come argomenti a commento di questo articolo. NON DEVE FINIRE SECONDO I DESIDERATA DELLA CORDATA DEVIATA . C’è ancora molta carne al fuoco .. .https://www.ilfilodelmagistrato.it/F/K/Esimio_dott_Sansonetti.html

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

La democrazia americana e i suoi donatori

Come tutti sappiamo, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump è un fervente sostenitore di Israele. Il suo sfidante alle prossime presidenziali, il democratico Joe Biden è, se possibile, persino più filo-israeliano ...

Read More

Guido Salvini: Buone notizie dalla magistratura

Dal giudice Guido Salvini ricevo e volentieri pubblico: BUONE NOTIZIE DALLA MAGISTRATURA Finalmente una buona notizia.  La Procura Generale presso la Corte di Cassazione, che è titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei ...

Read More
Sponsor