Peter Fonda e il mito di Easy Rider: davvero fu un film antisistema?

La morte di Peter Fonda ha fatto tornare alla memoria il suo film più celebre: Easy Rider. Questo film è passato alla storia come espressione della cultura hippie della fine degli anni ’60 e tuttavia si può fare su di esso la seguente riflessione: sembra un film antisistema ma non lo è. Sotto l’apparenza della celebrazione degli stili di vita “alternativi” dell’epoca, viene operata una sottile denigrazione dei medesimi: il film ci dice che i due protagonisti sono due spacciatori di cocaina e che hanno investito una parte dei loro guadagni proprio nell’acquisto delle celeberrime moto. Gli hippie e i contestatori in fondo non sono altro che spacciatori di droga, questo il messaggio veicolato dal film: un messaggio che non è incompatibile con la guerra spietata che le agenzie governative americane conducevano contro i predetti hippie e contestatori. Anche un film come questo (e gli altri prodotti all’epoca dalla cosiddetta Nuova Hollywood) rientra quindi nei canoni della propaganda cinematografica americana così brillantemente evidenziati dal compianto John Kleeves.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Pierre Marais ci ha lasciati

PIERRE MARAIS CI HA LASCIATI Il revisionismo storico ha perso uno dei suoi precursori: Pierre Marais è deceduto durante il sonno nella notte dal 19 al 20 settembre scorso. Nato il 3 ...

Read More
Sponsor