Ungheria: approvata la legge Mesterhazy contro il revisionismo ma…

Ungheria: approvata la legge Mesterhazy contro il revisionismo ma…

L’UNGHERIA FA UN NUOVO TENTATIVO PER VIETARE IL NEGAZIONISMO DELL’OLOCAUSTO

Associated Press[1]

Il parlamento ungherese ha approvato lunedì una legge che rende punibile il negazionismo dell’Olocausto fino a tre anni di prigione, ma il provvedimento potrebbe essere incostituzionale.

I deputati hanno approvato la legge presentata da Attila Mesterhazy, il candidato alla carica di primo ministro [alle prossime politiche] del Partito Socialista [attualmente] al governo, con 197 voti favorevoli, 1 contrario e 142 astenuti.

I precedenti tentativi di vietare il negazionismo dell’Olocausto erano stati respinti dai tribunali perché infrangevano la libertà di parola. Erano falliti anche i tentativi di modificare la Costituzione per assicurare la legittimità della legge.

La proposta di Mesterhazy è stata appoggiata dai socialisti e dalla maggior parte dell’Alleanza dei Liberi Democratici [partito liberale] già alleato di governo [dei socialisti]. La maggior parte dei membri del Fidesz [Alleanza dei giovani democratici] il principale partito di opposizione di centro-destra, e i loro alleati – i Cristiano-Democratici – si sono astenuti dopo che la richiesta del Fidesz di includere nella legge anche la negazione dei crimini nazisti e comunisti è stata respinta.

Gabor Horn, esponente dei Liberi Democratici, che ha votato a favore della legge, ha contestato la scelta del momento della proposta dei socialisti e si è chiesto perché un analogo tentativo del proprio partito, compiuto qualche mese fa, non era stato accettato.

“La differenza è che sei mesi fa non c’era campagna [elettorale]”, ha detto Horn.

Le elezioni politiche si terranno in Aprile e i sondaggi indicano che il Fidesz è in vantaggio sui socialisti con un cospicuo margine. Si prevede che il Jobbik, un gruppo di estrema destra relativamente nuovo accusato dai critici di vedute razziste, superi facilmente la soglia del 5% richiesta per entrare in parlamento.

L’istigazione all’odio e l’incitamento alla violenza sono già dei crimini in Ungheria, ma la legge approvata lunedì aggiunge al codice penale il “negare, contestare o minimizzare l’Olocausto”.

L’Unione ungherese per le Libertà Civili, o HCLU, ha detto che la legge era “inutile” e ha chiesto alle autorità di utilizzare meglio le leggi esistenti.

“I problemi correnti del codice penale derivano più dal fatto che la polizia, i tribunali e i procuratori non riescono ad applicare le leggi esistenti e sono incapaci di attuare le decisioni inappellabili dei giudici”, ha detto l’HCLU in una dichiarazione a commento della proposta di Mesterhazy.

(…).

[1] http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-3853141,00.html

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Jacob Cohen ebreo revisionista

MAROCCO: JACOB COHEN EX COMPAGNO DI STRADA DI A. SORAL CADE NEL NEGAZIONISMO[1] A metà gennaio davanti al "Lawyer's club" di Rabat Jacob Cohen ha relativizzato il numero dei “6 milioni di ...

Read More
Sponsor