I 90 anni di Ernst Nolte, lo storico dalla visione globale

I 90 anni di Ernst Nolte, lo storico dalla visione globale

Ernst Nolte

Review of the
Holocaust: Global Vision
(Revisione dell’Olocausto: una visione globale)[1] era
intitolato il famoso convegno di Teheran del 2006[2]. Ma la visione
globale degli studi revisionisti, in ambito olocaustico, è solo una parte, per
quanto importante, della storia contemporanea. E i revisionisti dell’Olocausto
sono, in genere, grandi specialisti di singole questioni legate al (preteso)
sterminio ebraico ma non hanno una “visione globale” della storia[3]. Per quella,
bisogna rivolgersi altrove. Per “altrove”, intendo storici che la storia umana
la conoscano tutta, dalla preistoria
all’attualità. Di storici di questo tipo, che sappiano “guardare il
mondo” al di là del proprio ambito specialistico, anche in ambito accademico, ce ne sono pochissimi. Io ne
conosco solo due: Ernst Nolte e Franco Cardini.
Della vastità di prospettive di Cardini – a parte la sua
sterminata bibliografia – ebbi modo di accorgermi personalmente qualche anno fa
ad una sua conferenza – a Roma, al Museo Orientale – sul feroce Saladino, in
cui l’erudizione del medievista si saldava ad una padronanza della geopolitica
contemporanea che non ha nulla da invidiare agli specialisti del settore.
Quanto alla visione globale di Nolte, basterà, per farsene
un’idea, un solo libro: ESISTENZA STORICA
– Fra inizio e fine della storia?
Conosco soltanto un altro singolo libro – di uno storico
contemporaneo – capace di compendiare l’intera storia umana: nella fattispecie,
Il racconto dell’uomo di Arnold
Toynbee:
Ma non bisogna dimenticare che Toynbee, pur nella sua
sterminata erudizione, fu una delle teste d’uovo di Chatam House[4]
e dell’imperialismo britannico[5]!
Leggere questi due libri significa esattamente misurare la
differenza tra lo storico indipendente (e revisionista) e lo storico di regime,
sia pure ai massimi livelli (del regime).
L’occasione di queste
brevi considerazioni è il 90° compleanno, da poco compiuto, di Ernst Nolte.
Un consiglio ai lettori di questo blog: se volete conoscere la
storia, conoscerla davvero, cercate di fare incetta dei libri di questo
preclaro studioso, in Italia tuttora più citato che letto (come dimostra la
vergognosa contestazione di Trieste)[6]!
È da lui che ho capito, ad esempio, che la vera cifra di Hitler
è quella di un epigono del predetto imperialismo britannico (vedi, al riguardo,
le pagine illuminanti de La guerra civile
europea[7]
),
quell’imperialismo con cui avrebbe tanto preferito convivere (al punto di arrivare all’insensatezza
di Dunkirk[8])!
Oltre a ciò, tengo a ricordare che Nolte è l’accademico che
in Germania (in Germania, l’epicentro della repressione antirevisionista) ha
avuto il coraggio di definire Carlo Mattogno “scienziato serio” e la condanna
di Germar Rudolf “un attacco contro la libertà scientifica” e questo, nota bene, in un paese in cui il
revisionismo viene definito, ufficialmente, per legge, “pseudoscientifico”[9]!
Alla luce di tutto ciò, il fatto che Nolte sia, riguardo all’Olocausto,
pur sempre uno sterminazionista è solo un dettaglio, nella sua visione globale
della storia.
Auguri, Professore!

 

[2] I
relativi contributi li potete leggere qui: http://www.vho.org/aaargh/fran/livres7/TEHERAN/teheran.html
. Un’esaustiva rassegna stampa la potete leggere qui:  http://www.vho.org/aaargh/fran/livres7/CRhiver07.pdf
[3] L’unico
revisionista che mi sembra abbia una “visione globale” della storia è Michael
Hoffman.
[9] “Negazionismo”: la Treccani in rete smentita
da Ernst Nolte
: http://www.andreacarancini.it/2011/06/negazionismo-la-treccani-in-rete/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Gilad Atzmon: L’ebreo errante

L’EBREO ERRANTE[1] Di Gilad Atzmon, 22 settembre 2016 Questa volta torniamo alla Germania. La Reuters[2] ha riferito ieri che “… per la rabbina londinese Julia Neuberger il voto inglese per uscire dall’Unione ...

Read More
Sponsor