Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana?

Palazzo Montecitorio: la Knesset italiana?

Nel forum, sempre interessante, degli amici di “Tradizione
Cattolica” (http://politicainrete.it/forum/religioni-filosofia-e-spiritualita/cristiani-e-cattolici/tradizione-cattolica/
)

ho trovato questa interessante discussione, intitolata “La
knesset italiana”:

da cui riprendo l’intervento introduttivo:

Nella
ristrutturazione della pavimentazione di piazza Montecitorio, a Roma, è stata
inserita una enorme menorah.
(…) la Kabbalah è parte della tradizione esoterica ebraica, è l’atto di
ricevere, è spiritualizzare il mondo, è il livello più profondo della
tradizione ebraica … ci sono anche esempi di recenti di «invasioni» della
Kabbalah nell’arte italiana. Basta guardare la nuova piazza Montecitorio
dell’architetto Franco Zagari. All’inaugurazione del 7 giugno 1998 nessuno si
accorse del «segno». Eppure basta guardare la piazza dall’alto per
accorgersene. Alla base del palazzo che ospita la Camera dei deputati ci sono
tre strisce bianche ad anello tagliate in mezzo da una quarta linea bianca.
Tutto questo forma un candelabro ebraico a sette bracci, la Menorah, che fa
concludere le sue fiammelle all’interno di Palazzo Montecitorio nella speranza
che la luce potesse simbolicamente illuminare il tempio della democrazia (…)

In effetti, tutto ciò è
vero
! …

E, del resto, come non ricordare l’assegnazione, nel 2009, del
premio “La menorah d’oro” a Gianfranco Fini, presidente della medesima Camera
dei deputati, da parte di Sandro Di Castro, presidente della loggia romana del B’nai B’rith …

Quando si dice la laicità dello Stato …

Ma poi, adesso che ci penso … giugno 1998 … si era già nel nuovo
corso – ultra atlantista e ultra sionista – della seconda Repubblica: di lì a
poco (ottobre 1998), Massimo D’Alema sarebbe giunto alla presidenza del
Consiglio, quella passata alla storia soprattutto per i massacri della Nato in
Serbia e in Kosovo (Massimo D’Alema
cameriere della Nato
: http://www.andreacarancini.it/2010/10/massimo-dalema-cameriere-della-nato/
).

Ecco cosa scrisse in proposito, nel 2006, il giornalista
Trowbridge Ford[1]:
Trowbridge Ford
“Fu solo a causa del suo [di D’Alema] sostegno alla campagna di bombardamenti
NATO della Jugoslavia … che lo sforzo di Clinton riuscì, poiché l’alleanza
militare non avrebbe potuto sostenerlo per più di qualche giorno senza il
sostegno fondamentale dell’Italia. Come Bob Woodward ha indicato in State of Denial, nella Casa Bianca
sembrava probabile il suicidio di massa se l’Italia non avesse reso possibile
la campagna di bombardamenti durata 78 giorni necessaria per costringere il
presidente jugoslavo Slobodan Milosevic a cedere (p. 61). In tal modo, l’Italia guadagnò un nuovo rispetto presso gli israeliani,
poiché si ebbe finalmente un paese europeo impegnato ad arrestare la minaccia
del terrorismo internazionale
[2]

In effetti, non poteva essere trovato simbolo più appropriato di quella
che è di fatto una menorah pubblica
per il nuovo corso (e per le conseguenti guerre) della politica italiana:


Un’altra immagine di piazza Montecitorio ripresa dal sito di Gianluca Freda: http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=753:per-chi-lavorano-i-nostri-politici&catid=31:scio-scio-scioa&Itemid=46

 

[2]
“It was only because of his support of
NATO’s bombing campaign of Yugoslavia – what even Silvio Berlusconi and the
right opposition opposed – that Clinton’s effort was successful, as the
military alliance could not have sustained it for more than a few days without
Italy’s ground support. As Bob Woodward has implied in State of Denial,
mass suicide seemed likely in the White House if Italy had not made possible
the 78-day bombing campaign required to force Yugoslav President Slobodan
Milsoevic to cave in. (p. 61) By doing so, Italy gained new-found respect among
the Israelis since it finally got a European country involved in stemming the
threat of international terrorism: http://cryptome.org/litvinenko-kill.htm

One Comment

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Robert Faurisson: Je porte plainte pour diffamation contre Ariane Chemin

Da Bocage ricevo e pubblico questo resoconto del prof. Faurisson sul suo processo del 9 maggio (contro Ariane Chemin e il giornale Le Monde): Robert FAURISSON                                                                                                        27 mai 2017   Je ...

Read More
Sponsor